cerca CERCA
Lunedì 21 Giugno 2021
Aggiornato: 23:41
Temi caldi

'Domenikon 1943': un libro ricostruisce la strage senza colpevoli compiuta dai militari italiani

30 gennaio 2021 | 18.26
LETTURA: 2 minuti

alternate text

“Mi è toccato di assistere a scene capaci di farti perdere la ragione. Certo erano soldati ragazzini, 18-20 anni, ma alla fine erano capaci di metterti al muro. Che ci potevamo fare, la situazione era questa”. La strage di Domenikon, in Grecia, venne compiuta il 16 febbraio 1943 dai militari delle forze italiane di occupazione: almeno 140 civili furono uccisi come reazione a un’imboscata partigiana in cui morirono nove Camicie nere. Tutti gli “uomini validi” di questo piccolo villaggio delle Tessaglia (vale a dire ogni maschio di età compresa tra i 14 e gli 80 anni) vennero sterminati. Fu una delle peggiori stragi compiute dai militari italiani nei Balcani. Il primo di una serie di eccidi che caratterizzarono la primavera del ’43. Ebbene, per tutte le stragi commesse dagli italiani – e per i morti di Domenikon – nessuno ha mai pagato. È un caso clamoroso di giustizia negata che si è trascinato fino ai nostri giorni, ricostruito nel libro “Domenikon 1943. Quando ad ammazzare sono gli italiani” (Mursia) del giornalista Vincenzo Sinapi.

Le 'carte' riguardanti i crimini commessi dai militari italiani in Grecia e nella ex Jugoslavia non stavano dentro un armadio con le ante rivolte verso il muro, ma in diversi archivi. Quegli atti avrebbero consentito di svolgere proficuamente degli accertamenti giudiziari, e forse qualcuno sarebbe potuto finire alla sbarra. Ma questo non è avvenuto. Ci sono volute delle inchieste giornalistiche e perfino un esposto dall'interno della stessa magistratura militare per far aprire un procedimento, ma ormai il tempo era scaduto: non sono stati trovati potenziali imputati sopravvissuti e il procedimento è stato una prima volta archiviato. Nonostante ciò, un magistrato militare, sollecitato dal nipote di una delle vittime, ha riesumato tempo dopo il fascicolo, svolgendo nuove e più circoscritte indagini, mirate questa volta a far luce esclusivamente sulla strage di Domenikon. Gli accertamenti sono durati anni – e nel libro si dà conto di ogni sviluppo - ma il risultato non è stato diverso. Nessun colpevole per Domenikon.

La vicenda giudiziaria si è definitivamente chiusa nel 2018. Il gip militare ha accolto la richiesta di archiviazione del pm perché i responsabili sono tutti morti, ormai, o rimasti 'ignoti'. Un proscioglimento di cui il procuratore militare Marco De Paolis ha chiesto irritualmente scusa ai familiari delle vittime, con una lettera riportata nel libro. "Abbiamo percorso tutte le strade possibili, lo sforzo investigativo è stato grande, ogni indizio è stato sfruttato. Ma ci siamo scontrati con ostacoli insuperabili a causa del lungo tempo trascorso. Un tempo troppo lungo", ha scritto De Paolis. "Provo amarezza per non aver potuto dare a Voi, alla Vostra comunità, la risposta positiva di giustizia che vi è dovuta. E di questo mi scuso".

Riproduzione riservata
© Copyright Adnkronos
Tag
Vedi anche
ora in
Prima pagina
articoli
in Evidenza