cerca CERCA
Mercoledì 28 Settembre 2022
Aggiornato: 18:01
Temi caldi

Dopo 4 mesi tornano a crescere i consumi di elettricità. A febbraio +0,7%

06 marzo 2015 | 13.17
LETTURA: 3 minuti

Secondo i dati diffusi da Terna il mese scorso l'energia elettrica richiesta è stata pari a 25,2 miliardi kwh. Nel primo bimestre del 2015 la domanda di elettricità è risultata in flessione dello 0,7%

alternate text
(Infophoto) - INFOPHOTO

Dopo quattro mesi con segno negativo, tornano a crescere i consumi di elettricità in Italia. Nel mese di febbraio, secondo quanto rilevato da Terna, l’energia elettrica richiesta, pari a 25,2 miliardi di kWh, ha fatto registrare un incremento dello 0,7% rispetto a febbraio dello scorso anno.

In termini generali, era dall’estate del 2012 che non si registrava un incremento dei consumi mensili di energia elettrica rispetto all’anno precedente , fatta eccezione per il mese di settembre 2014, che ha fatto segnare un lieve incremento (+0,4%), rispetto a un dato di settembre particolarmente basso nel 2013 (-2,6%) e nel 2012 (-8,3%).

Depurata dall’effetto della temperatura, la variazione della domanda di energia elettrica di febbraio 2015 diventa -0,7%. A parità di giorni lavorativi (20), rispetto allo stesso mese del 2014 si è infatti avuta una temperatura media mensile di circa due gradi e mezzo inferiore. I 25,2 miliardi di kWh richiesti nel mese di febbraio 2015 sono distribuiti per il 46,1% al Nord, per il 29,8% al Centro e per il 24,1% al Sud.

A livello territoriale, la domanda di energia elettrica nel mese di febbraio 2015 è risultata negativa al Nord (-0,9%) e positiva al Centro (+1,5%) e al Sud (+3,6%). A febbraio 2015 la domanda di energia elettrica è stata soddisfatta per l’82,4% con produzione nazionale e per la quota restante (17,6%) dal saldo dell’energia scambiata con l’estero.

In dettaglio, la produzione nazionale netta (20,9 miliardi di kWh) è cresciuta dello 0,2% rispetto a febbraio 2014. Sono in crescita le fonti di produzione termica (+7,5%), geotermica (+8,2%) e fotovoltaica (+8,3%). In calo le fonti idroelettrica (-25,0%) ed eolica (-1,6%).

In termini congiunturali, la variazione destagionalizzata della domanda elettrica di febbraio 2015 rispetto al mese precedente è stata pari a +0,7%. Il profilo del trend si mantiene debolmente negativo.

Nel primo bimestre del 2015 la domanda di energia elettrica è risultata in flessione dello 0,7% rispetto ai valori del corrispondente periodo del 2014; a parità di calendario il valore è in linea con lo scorso anno (+0,0).

Riproduzione riservata
© Copyright Adnkronos
Tag
Vedi anche
ora in
Prima pagina
articoli
in Evidenza