cerca CERCA
Giovedì 09 Dicembre 2021
Aggiornato: 09:47
Temi caldi

Calcio: Doumbia, trasformerò i fischi in applausi

16 febbraio 2015 | 15.40
LETTURA: 2 minuti

L'attaccante giallorosso dopo il negativo esordio con il Parma assicura: "Spero di dare qualcosa in più alla squadra mettendo il mio talento a disposizione della causa. Ho disputato solo la mia prima partita, spero di riuscire a rispondere alle attese"

alternate text
Seydou Doumbia (Infophoto) - INFOPHOTO

"Lavorerò per trasformare i fischi in applausi". E' l'obiettivo dell'attaccante della Roma, Seydou Doumbia, all'indomani del suo esordio in maglia giallorossa nel match con il Parma, coinciso con una brutta prestazione e la sostituzione tra i fischi. "Spero di dare qualcosa in più alla squadra mettendo il mio talento a disposizione della causa -aggiunge il 27enne ivoriano nella conferenza stampa di presentazione-. Ho disputato solo la mia prima partita, spero di riuscire a rispondere alle attese".

Doumbia parla poi delle sue caratteristiche tecniche: "Io sono un centravanti, mi piace l'area di rigore. Ho segnato tanti gol in passato, ho bisogno di fiducia ma sono sicuro che riuscirò a fare bene". L'ex giocatore del Cska Mosca aveva affrontato la Roma da avversaria in Champions League. A settembre nella Capitale i giallorossi si imposero 5-1 giocando una delle migliori partite dell'anno. La brillantezza di allora sembra però essere solo un ricordo: "Io non l'ho trovata così diversa, in questi miei primi giorni qui. In ogni squadra ci sono momenti no, questo è un momento no della nostra stagione. Comunque siamo ancora secondi in classifica".

Infine l'ivoriano spiega i motivi che lo hanno spinto ad accettare la Roma: "Ho saputo della trattativa tra Roma e Cska nel corso della Coppa d'Africa e ho avuto modo di parlarne con il mister Garcia. Comunque erano due anni che ne parlavo con Gervinho, ed è stato un ulteriore fattore decisivo ai fini del trasferimento".

Riproduzione riservata
© Copyright Adnkronos
Tag
Vedi anche
ora in
Prima pagina
articoli
in Evidenza