cerca CERCA
Venerdì 23 Luglio 2021
Aggiornato: 17:11
Temi caldi

Draghi: "Green pass non è un arbitrio"

22 luglio 2021 | 19.58
LETTURA: 2 minuti

Il premier: "Serve per tenere aperte le attività economiche". Appello agli italiani: "Vaccinatevi subito"

alternate text
(Foto Fotogramma)

“Il Green pass non è un arbitrio. E’ una condizioni per tenere aperte le attività economiche. La prima cosa che devo dire: invito tutti gli italiani a vaccinarsi e a farlo subito, devono proteggere se stessi e le proprie famiglie”. Sono le parole del presidente del Consiglio, Mario Draghi, nella conferenza stampa dopo l’approvazione del decreto covid. "L’estate è già serena e vogliamo che rimanga tale - ha sottolineato - Il Green pass è una misura con cui gli italiani possono continuare a divertirsi, ad andare al ristorante e a spettacoli all’aperto e al chiuso, con la garanzia di ritrovarsi tra persone che non sono contagiose. E’ una misura che dà serenità, nonostante le difficoltà di applicazione".

Leggi anche

“Anche nella definizioni dei parametri” relative alla zona gialla, “la scelta era tra procedere normalmente -e molte regioni sarebbero andate in zona gialla- oppure introdurre il Green pass e cambiare i parametri tenendo le regioni in zona bianca”, ha detto ancora Draghi.

“La variante Delta è minacciosa - ha quindi affermato - si espande molto più rapidamente di altre varianti. Altri paesi europei sono più avanti di noi nei contagi. Abbiamo imparato che la realtà di altri paesi si presenta da noi se non reagiamo: quello che succede in Inghilterra e Francia, dobbiamo immaginare che potrà ripetersi in Italia in assenza di provvedimenti. L’economia italiana va bene, si sta riprendendo. L’Italia cresce ad un ritmo anche superiore a quello di altri paesi europei. E’ un momento favorevole: perché continui ad esserlo, bisogna agire sul fronte del covid. La campagna vaccinale ha permesso all’economia di riprendersi”.

“Circa due terzi degli italiani, di età superiore a 12 anni, hanno ricevuto una dose. Oltre la metà degli italiani hanno completato il ciclo vaccinale. L’obiettivo di somministrare 60 milioni di dosi entro il 20 luglio è stato superato”, dice Draghi snocciolando i dati della campagna di vaccinazione. “La pressione sugli ospedali è fortemente diminuita: abbiamo circa 1300 persone, contro le oltre 30.000 di 4 mesi fa, e circa 160 persone in terapia intensiva: a fine marzo erano circa 3.500. I decessi sono diminuiti, ieri ne sono purtroppo stati registrati 21 contro i quasi 400 di 4 mesi fa”, ha detto ancora.

Riproduzione riservata
© Copyright Adnkronos
Tag
Vedi anche
ora in
Prima pagina
articoli
in Evidenza