cerca CERCA
Sabato 04 Dicembre 2021
Aggiornato: 18:27
Temi caldi

Governo

Salvini da Draghi: "Incontro utile, rapporto leale risolve ogni problema"

07 ottobre 2021 | 16.39
LETTURA: 2 minuti

Incontro di un'ora a Palazzo Chigi

alternate text

E' durato un'ora l'incontro a Palazzo Chigi tra il leader della Lega Matteo Salvini e il presidente del Consiglio, Mario Draghi. Il segretario del Carroccio è entrato intorno alle 16.30 dall'ingresso posteriore del palazzo che ospita la presidenza del Consiglio, evitando i cronisti. L'incontro arriva dopo lo 'strappo' della Lega, assente in Consiglio dei ministri per il via libera della delega fiscale e anche dopo le parole del leghista sulla riforma del catasto.

Leggi anche

"Un’ora di confronto con il Presidente Draghi", commenta su Twitter Salvini una volta terminato il colloquio, definendolo un "incontro molto utile: proposte e soluzioni condivise e impegno a confrontarci sul futuro dell’Italia ogni settimana. I giornali scrivano ciò che vogliono: un rapporto leale, franco e diretto risolve ogni problema e trova soluzioni". "Ho chiesto al Presidente Draghi - continua su Twitter - che la durata dei tamponi salga da 48 a 72 ore, come previsto dagli altri Paesi europei, e l’estensione dell’utilizzo di tamponi rapidi, gratuiti o a basso costo".

Nell'incontro tra il premier e Salvini "è stato confermato l’impegno del Governo" a "proseguire nel percorso delle riaperture, tenendo conto del miglioramento della situazione epidemiologica", si legge in una nota di Palazzo Chigi dopo il colloquio. "Al centro del colloquio, che si è svolto in un clima cordiale e costruttivo, il tema della crescita economica. E’ stato confermato l’impegno del Governo a evitare ogni aumento della pressione fiscale", recita la nota.

"Il presidente Draghi e il senatore Salvini hanno toccato anche il tema delle riaperture, per allentare il più possibile limiti e restrizioni in caso di dati sanitari confortanti", rende noto la Lega al termine dell'incontro. C’è stata anche "piena condivisione degli obiettivi economici, con un impegno comune affinché non ci siano aumenti di tasse". "In un clima cordiale e costruttivo - continua la nota -, per il futuro hanno convenuto di vedersi almeno una volta alla settimana per fare il punto della situazione", concludono da vai Bellerio.

Il leader della Lega, prima di uscire dal palazzo, si è intrattenuto con i ministri leghisti che sono arrivati per prendere parte al Consiglio dei ministri. Tra questi, anche il numero due della Lega, Giancarlo Giorgetti, che poco prima dell'inizio del colloquio aveva detto all'Adnkronos "votiamo in cdm? Non lo so, ora vediamo...", dopo un incontro di circa 40 minuti con il segretario Salvini. Il leader della Lega aveva appena lasciato il Senato per recarsi a Palazzo Chigi. Con il ministro Giorgetti anche il presidente della Regione Friuli Venezia Giulia, Massimiliano Fedriga.

Riproduzione riservata
© Copyright Adnkronos
Tag
Vedi anche
ora in
Prima pagina
articoli
in Evidenza