cerca CERCA
Sabato 01 Ottobre 2022
Aggiornato: 00:06
Temi caldi

Droga, relazione Dcsa: "Cocaina in crescita vertiginosa"

30 giugno 2020 | 14.58
LETTURA: 2 minuti

Calano i sequestri di marijuana ed hashish, ma aumentano nettamente quelli di cocaina: dal 2018 al 2019 +127,2%

alternate text
(Fotograma)

La diffusione della cocaina rappresenta "un fenomeno in netta e vertiginosa crescita e sempre di più il principale business dei maggiori sodalizi criminali nazionali e internazionali". Lo scrive la Direzione centrale per i servizi antidroga (Dcsa) nella Relazione annuale 2020 pubblicata oggi. Un report dal quale emerge un calo dei sequestri di droga in Italia, ma un netto aumento di quelli relativi alla cocaina.

"Quanto agli scostamenti positivi - si legge nella relazione - un vistoso aumento si registra per la cocaina che, in termini assoluti, quasi triplica i volumi caduti in sequestro rispetto al 2018 (+127,2%), raggiungendo la quota record di 8,4 tonnellate sottratte al mercato illegale. Nella serie decennale, si tratta del quantitativo più alto dal 2010 ad oggi, anche laddove non si conteggino due consistenti sequestri operati a gennaio e novembre, rispettivamente nei Porti di Genova e Gioia Tauro, per oltre 3,2 tonnellate complessive".

"Che la diffusione della cocaina rappresenti un fenomeno in netta e vertiginosa crescita e sempre di più il principale business dei maggiori sodalizi criminali nazionali e internazionali, si rileva anche dai dati relativi alle operazioni di polizia e alle denunce per questa specifica sostanza, che si collocano entrambi al livello più alto nelle rispettive rilevazioni decennali".

Calano i sequestri di marijuana ed hashish, ma aumentano nettamente quelli di cocaina: dal 2018 al 2019 +127,2%. Sono i dati contenuti nella Relazione annuale 2020 della Direzione Centrale per i servizi antidroga (Dcsa), che traccia l'andamento del narcotraffico in Italia. Il valore generale dei sequestri è in calo (dalle 123 tonnellate del 2018 alle 55 del 2019), ma la diminuzione non è uniforme. "I decrementi riguardano quasi tutte le sostanze, con eccezione della cocaina delle droghe sintetiche - si legge nella relazione -. Spiccano, in particolare, gli scostamenti negativi riferibili ai derivati della cannabis, tanto per quanto riguarda l’hashish (-73,25%), che per la marijuana (-39,83%) e la presentazione in piante (-57%)".

"Quanto agli scostamenti positivi, un vistoso aumento si registra per la cocaina che, in termini assoluti, quasi triplica i volumi caduti in sequestro rispetto al 2018 (+127,2%), raggiungendo la quota record di 8,4 tonnellate sottratte al mercato illegale", si legge nel report della Dcsa.

Riproduzione riservata
© Copyright Adnkronos
Tag
Vedi anche
ora in
Prima pagina
articoli
in Evidenza