cerca CERCA
Giovedì 28 Ottobre 2021
Aggiornato: 08:07
Temi caldi

E' morto Gino Strada, il fondatore di Emergency aveva 73 anni

13 agosto 2021 | 14.05
LETTURA: 4 minuti

La presidente di Emergency, Rossella Miccio: "Ha fatto di tutto per rendere il mondo migliore"

alternate text
(Fotogramma)

Gino Strada, fondatore di Emergency, è morto oggi all'età di 73 anni. "Amici, come avrete visto il mio papà non c'è più - ha scritto la figlia Cecilia Strada in un post su Facebook - Non posso rispondere ai vostri tanti messaggi che vedo arrivare, perché sono in mezzo al mare e abbiamo appena fatto un salvataggio. Non ero con lui, ma di tutti i posti dove avrei potuto essere...beh, ero qui con la ResQ - People saving people a salvare vite. È quello che mi hanno insegnato mio padre e mia madre. Vi abbraccio tutti, forte, vi sono vicina, e ci sentiamo quando possiamo".

Leggi anche

"Nessuno se l'aspettava. Siamo frastornati e addolorati. E' una perdita enorme per il mondo intero. Ha fatto di tutto per rendere migliore il mondo. Ci mancherà tantissimo" ha detto commossa all'Adnkronos la presidente di Emergency Rossella Miccio.

"Il nostro amato Gino è morto questa mattina. È stato fondatore, chirurgo, direttore esecutivo, l’anima di Emergency. 'I pazienti vengono sempre prima di tutto', il senso di giustizia, la lucidità, il rigore, la capacità di visione: erano queste le cose che si notavano subito in Gino. E a conoscerlo meglio si vedeva che sapeva sognare, divertirsi, inventare mille cose. Non riusciamo a pensare di stare senza di lui, la sua sola presenza bastava a farci sentire tutti più forti e meno soli, anche se era lontano. Tra i suoi ultimi pensieri, c’è stato l’Afghanistan, ieri" il ricordo dello staff di Emergency. "È morto felice. Ti vogliamo bene Gino".

Gino Strada era nato a Sesto San Giovanni, alle porte di Milano, nel 1948. "Un cittadino sestese che è diventato uno straordinario cittadino del mondo", è il commiato del Comune, che "si stringe attorno alla sua famiglia, ai suoi cari e a tutte le persone che gli hanno voluto bene". E ancora: "A nome di tutta Sesto, vogliamo dirti grazie per essere sempre stato in prima linea, per aver portato aiuto a milioni di persone vittime di guerre e di povertà e per aver lottato instancabilmente a favore della pace".

Immediati i messaggi di cordoglio. Si legge in una nota di palazzo Chigi: "Il Presidente del Consiglio, Mario Draghi, ha appreso con tristezza della morte di Gino Strada. Ha trascorso la sua vita sempre dalla parte degli ultimi, operando con professionalità, coraggio e umanità nelle zone più difficili del mondo. L’associazione 'Emergency', fondata insieme alla moglie Teresa, rappresenta il suo lascito morale e professionale. Alla figlia Cecilia, a tutti i suoi cari e ai colleghi di Emergency, le più sentite condoglianze del governo".

"Quanto ci mancherà Gino Strada, l’impegno e il coraggio di un vero costruttore di pace. La sua umanità e una missione: essere al fianco degli ultimi in tutto il mondo. Grazie per tutto quello che hai fatto. Un abbraccio ai suoi cari e a tutta Emergency" il tweet del presidente della Camera, Roberto Fico.

"Da oggi l’Italia è più povera. #GinoStrada" le parole di Enrico Letta.

"Una vita dedicata agli altri, e soprattutto ai più fragili e vulnerabili. Un esempio costante, concreto di autentica solidarietà e rara umanità. Una perdita inestimabile. Ciao Gino" ha scritto su Twitter il leader del M5S Giuseppe Conte.

"Ho conosciuto Gino Strada leggendo con gli scout un suo libro, Pappagalli Verdi. Quando ci ho parlato la prima volta ero appena stato eletto sindaco" ha scritto su Facebook Matteo Renzi. "Potevi non essere d’accordo con lui, a me è accaduto molto spesso. Ma quando ti raccontava il suo impegno perché la salute fosse davvero un bene di tutti e per tutti rimanevi senza parole. Non era un uomo facile. Ma era un uomo vero. Che la terra gli sia lieve. Un pensiero speciale a chi lo ha amato, a chi ci ha discusso e litigato con affetto e autenticità e a tutta la comunità di Emergency".

"Se ne è andato un caro amico, Gino Strada". Così il sindaco di Milano, Giuseppe Sala, su Facebook. "Gli volevo bene e lui ne voleva a me. In giugno avevo celebrato il suo matrimonio con la dolce Simonetta, una cerimonia riservata come loro desideravano. Di Gino si può pensare quello che si vuole, ma una cosa è certa: ha sempre pensato prima agli altri che non a se stesso. Mi e ci mancherai".

Riproduzione riservata
© Copyright Adnkronos
Tag
Vedi anche
ora in
Prima pagina
articoli
in Evidenza