cerca CERCA
Martedì 16 Agosto 2022
Aggiornato: 00:06
Temi caldi

È morto Kazuki Takahashi, l'autore di 'Yu-Gi-Oh!'

07 luglio 2022 | 15.16
LETTURA: 2 minuti

Il corpo è stato ritrovato al largo delle coste di Nago, nell’arcipelago di Okinawa, con indosso l’attrezzatura da snorkeling

alternate text
Fotogramma

Tragico lutto nel mondo dei fumetti: è morto Kazuki Takahashi, l’autore del celebre “Yu-Gi-Oh!”, all’età di 60 anni. L’uomo, come confermato dall’emittente giapponese NKH, è stato ritrovato annegato con indosso l’attrezzatura da snorkeling dalla Guardia Costiera al largo della costa di Naga, località dell’arcipelago di Okinawa. Le cause del decesso sono ancora oggetto di indagine. Takahashi, che avrebbe compiuto 61 anni a ottobre, è l’autore del fumetto “Yu-Gi-Ok!”, da cui è nato il brand popolare in tutto il mondo fatto di cartoni animati, carte da gioco e videogame. L'autore della saga che racconta di un mondo fantastico in cui i personaggi si sfidano a duello tramite carte che prendono vita durante i combattimenti, stava viaggiando da solo.

Il fumettista ha debuttato sulla scena dei manga nel 1986 con un adattamento di "Go-Q-Choji Ikkiman" sulla rivista "Weekly Shōnen", ma ha realizzato la sua prima opera originale solo nel 1990, quando il suo manga "Tokio no Taka" è stato pubblicato nell'edizione speciale estiva della popolare rivista "Weekly Shōnen Jump".

Takahashi è conosciuto soprattutto per aver creato il fenomeno mondiale "Yu-Gi-Oh!" (1996). Prima che i millennial di tutto il mondo cominciassero a gridare "È ora di duellare" al parco giochi mentre gettavano freneticamente una carta a terra con più peso e scopo di una mossa vincente al Super Bowl, "Yu-Gi-Oh!" era un manga molto più cupo. Quando "Yu-Gi-Oh!" ha debuttato per la prima volta, parlava di tutti i tipi di giochi, non solo di carte. Takahashi voleva realizzare un manga horror. Per un po' di tempo, il manga ha evitato di concentrarsi su un singolo gioco, mostrando invece Yugi e i suoi amici intenti a giocare a tutti i tipi di giochi, da quelli con i dadi a quelli da tavolo, fino ai bambini che si pugnalano alla mano usando banconote per cercare di fermare il coltello. In effetti, il manga originariamente era più incentrato sul fatto che Yugi fosse posseduto da uno spirito vendicativo, che punisce coloro che perdono con sadici "giochi di penalità", come far credere a un bambino che la spazzatura sia un mucchio di soldi, o semplicemente fulminare qualche ragazzo.

Non sorprende, allora, che la versione sadica di "Yu-Gi-Oh!" sia stata fortemente attenuata una volta che "Yu-Gi-Oh! Duel Monsters" ha iniziato ad andare in onda in tv come cartone animato, concentrandosi sul gioco di carte che ha venduto miliardi di dollari di merchandising.

L'anime originale di "Yu-Gi-Oh!" è durato solo 27 episodi ed è andato in onda nel 1998. Questa versione è più fedele ai primi capitoli del manga, con l'alter ego di Yugi che è più uno spirito del gioco d'azzardo che ama torturare le persone trasformandole in strani oggetti per l'eternità o uccidendole del tutto.

Riproduzione riservata
© Copyright Adnkronos
Tag
Vedi anche
ora in
Prima pagina
articoli
in Evidenza