cerca CERCA
Martedì 05 Luglio 2022
Aggiornato: 11:28
Temi caldi

E' tornata alla luce una lettera su Donatello a Prato

05 maggio 2022 | 14.32
LETTURA: 6 minuti

Recuperata preziosa missiva di Matteo degli Organi del 1434

alternate text

Una nuova, straordinaria, acquisizione da parte dell'Archivio di Stato di Prato consente di leggere, secondo lo storico dell'arte Francesco Caglioti, "uno dei documenti più curiosi e rivelatori su Donatello". Si tratta di una lettera scritta da Matteo degli Organi nel 1434, andata perduta nell'Ottocento, e recuperata soltanto di recente grazie a una bella storia, dove senso civico e spirito di appartenenza alla comunità si legano all’attento lavoro di ricercatori e archivisti.

La preziosa lettera, la sua storia, e una serie di iniziative per fare conoscere i documenti che raccontano l'attività di Donatello a Prato, sostenute dalla Fondazione Cassa di Risparmio di Prato, sono stati presentati oggi all’Archivio di Stato. Sono intervenuti Diana Marta Toccafondi, già Soprintendente della Soprintendenza archivistica e bibliografica della Toscana; Leonardo Meoni, direttore dell'Archivio di Stato di Prato e Alberto Batisti, direttore artistico della Camerata strumentale Città di Prato. Presente anche l’assessore alla Cultura del Comune di Prato, Simone Mangani.

La vicenda, esemplare in qualche modo, è stata raccontata dagli stessi protagonisti. La lettera circolava sul mercato antiquario ed è stata offerta proprio ad Alberto Batisti che, rendendosi conto del suo valore documentario, ha informato della cosa Diana Toccafondi.

Così è cominciata l’operazione di recupero. Il direttore dell’Archivio di Stato di Prato, Leonardo Meoni, ha svolto un’accurata ricerca: è stato confermato che il documento era già segnalato da Cesare Guasti nel 1865 come appartenente all’archivio del Patrimonio ecclesiastico, ente istituito dal Granduca Pietro Leopoldo nel 1783-85 per gestire i patrimoni e gli archivi provenienti dalle compagnie di devozione e da alcune chiese e conventi. A questo punto, grazie all’intervento di mediazione della stessa Diana Toccafondi, il proprietario, dopo aver appreso l’originaria provenienza del documento e la sua storia, ha deciso spontaneamente di donare la lettera all’Archivio di Stato di Prato che ne è legittimo proprietario.

La lettera dispersa

Si tratta di una splendida lettera che il maestro d’organi Matteo da Prato (1391 – 1465), detto Matteo degli Organi, scrive da Firenze il 19 giugno 1434 agli Operai del Sacro Cingolo su richiesta dell’amico Donatello (Matteo è stato testimone del contratto tra l’artista e l’Opera per la realizzazione del pulpito). “La lettera rappresenta una fonte documentaria fondamentale per comprendere l’attività pratese di Donatello e i rapporti dell’artista con la committenza nella realizzazione del pulpito esterno della Pieve, oggi Cattedrale, costruito per le ostensioni pubbliche del Sacro Cingolo mariano”, sottolinea diana Toccafondi. Con linguaggio vivace e arguto Matteo degli Organi informa i committenti pratesi che Donatello ha appena terminato la prima “storia” (cioè la prima formella) per il pulpito della Pieve di Prato e che a Firenze tutti coloro che se ne intendono vanno dicendo “che mai si vide simile storia”. La lettera continua comunicando la buona disposizione di Donatello a proseguire il lavoro, soprattutto se incoraggiato da “qualche danaio” da spendere per le prossime feste di San Giovanni. Non importa che sia molto – dice Matteo - perché Donatello è uomo “di piccolo pasto” e si contenta di poco, ma è importante che l’artista si senta riconosciuto per ciò che ha fatto e porti l’opera a compimento, perché di maestri come lui se ne trovano ben pochi.

“Era originariamente conservata a Prato all’interno dell’archivio del Patrimonio ecclesiastico, fra le carte provenienti dall’Opera del Sacro Cingolo – spiega il direttore dell’Archivio, Meoni - Qui la videro, nella seconda metà dell’Ottocento, il canonico pratese Martino Benelli e Cesare Guasti, che ne pubblicò il contenuto. Successivamente se ne persero le tracce. Infruttuose sono risultate tutte le ricerche degli studiosi per rintracciarla nell’archivio del Patrimonio ecclesiastico, che è entrato a far parte del patrimonio archivistico dell’Archivio di Stato di Prato nel 1958.

Ne aveva recentemente segnalato la dispersione anche il professor Francesco Caglioti, curatore della grande mostra Donatello, il Rinascimento in corso a Firenze, al termine di accurate ricerche sui rapporti tra Michelozzo e Donatello pubblicate in un suo saggio edito nel 2019.

“Il recupero della lettera di Matteo degli Organi su Donatello – afferma adesso Caglioti - è una notizia estremamente confortante: per il lieto fine di una storia cominciata male, per la sensibilità che un privato ha dimostrato nei confronti del patrimonio archivistico e storico di tutti, e per la possibilità ritrovata di leggere nell’originale uno dei documenti più curiosi e rivelatori su uno dei maggiori artisti di ogni tempo”.

Il ritrovamento

Nell’agosto 2021 il professor Alberto Batisti, direttore artistico della Camerata strumentale Città di Prato, riceve da un musicologo la segnalazione di una lettera su Donatello in vendita sul mercato antiquario. Colpito dalla notizia, Batisti ne informa Diana Toccafondi, già a capo della Soprintendenza archivistica e bibliografica della Toscana, organismo con compiti di tutela e valorizzazione del patrimonio archivistico. Toccafondi, intuendo la natura del documento, interessa la Soprintendenza archivistica per attivare le procedure di tutela e di eventuale rivendica della proprietà statale e chiede all’Archivio di Stato di Prato di approfondire gli aspetti storico-documentari.

Il direttore dell’Archivio di Stato di Prato, Leonardo Meoni, svolge un’accurata ricerca da cui si conferma che si tratta sicuramente del documento già segnalato da Cesare Guasti nel 1865 come appartenente all’archivio del Patrimonio ecclesiastico, ente istituito dal Granduca Pietro Leopoldo nel 1783-85 per gestire i patrimoni e gli archivi provenienti dalle compagnie di devozione e da alcune chiese e conventi. Si avvia dunque l’iter per il recupero del documento presso l’attuale proprietario che, dopo aver appreso l’originaria provenienza del documento e la sua storia, decide spontaneamente di donare la lettera all’Archivio di Stato di Prato.

L’acquisizione del documento è dunque il felice risultato di senso civico e spirito di appartenenza alla comunità e dell’attento e competente lavoro di ricercatori e archivisti che, nell’adempimento dei loro compiti di tutela e conservazione, sono riusciti nel non facile compito di coinvolgere soggetti diversi in una partecipazione corale alla salvaguardia dell’integrità del patrimonio documentario. È proprio il caso di dire, con le parole usate da Matteo degli Organi per descrivere le formelle del pulpito, che “mai si vide simile storia”.

Donatello per Prato, gli eventi per celebrare il ritrovamento

Per celebrare il ritrovamento l’Archivio di Stato di Prato, a partire da lunedì 9 maggio, presenterà un percorso espositivo che, insieme alla lettera ritrovata, espone i pezzi più significativi del notevolissimo corpus documentario riguardante Donatello conservato a Prato. Tra questi, anche il registro contabile da cui si vede che, appena ricevuta la lettera, gli Operai del Sacro Cingolo si affrettarono subito ad effettuare due pagamenti a Donatello, ed altre carte contenenti anche note autografe dello stesso Donatello. La mostra si inaugura il prossimo 9 maggio alle 16.30 e resterà aperta fino al 2 settembre: un’occasione per tutti per vedere la lettera di Matteo degli Organi sull’amico Donatello e sul pulpito, tornata finalmente a Prato nel suo contesto di origine. La mostra è stata resa possibile grazie al contribuito della Fondazione Cassa di Risparmio di Prato.

In occasione dell’inaugurazione, il 9 maggio alle 16.30, il professor Francesco Caglioti curatore della grande mostra Donatello, il Rinascimento, attualmente in corso a Firenze a Palazzo Strozzi e al Museo Nazionale del Bargello, terrà nella sala conferenze dell’Archivio di Stato una prolusione su Donatello e la storia del cantiere del pulpito pratese dal titolo: Donatello per Prato.

Riproduzione riservata
© Copyright Adnkronos
Tag
Vedi anche
ora in
Prima pagina
articoli
in Evidenza