cerca CERCA
Mercoledì 20 Ottobre 2021
Aggiornato: 00:23
Temi caldi

Ebola: Istituto Pasteur attiva task force con i suoi 32 centri in 25 Paesi

11 settembre 2014 | 15.22
LETTURA: 3 minuti

alternate text

(Adnkronos Salute) - L'Istituto Pasteur di Parigi mette in campo la sua rete internazionale per una task force anti Ebola. Con i suoi 32 centri, di cui una decina in Africa, l'ente francese punta a mobilitare personale sul territorio, anche per formare operatori in grado di diagnosticare rapidamente i malati ed elaborare strategie per testare nuove cure e vaccini. "Non è sufficiente avere programmi finanziati, serve anche radicarsi in loco", ha detto il direttore generale dell'Istituto Christian Bréchot in un incontro con la stampa.

La task force, in pratica, dovrà coordinare i laboratori di ricerca che lavorano su Ebola, organizzare meglio le diverse azioni sul territorio, impiantare infrastrutture nelle zone colpite o a rischio e formare personale ad hoc. Per quanto riguarda la ricerca, l'Istituto investirà più che in passato. Servono nuove strategie, sottolineano gli esperti, anche per le particolarità del virus in circolazione, come ricorda gruppo di ricercatori francesi che ha identificato il virus dell'attuale epidemia in Africa, équipe guidata da Sylvain Baize, responsabile del Centro nazionale di riferimento per le febbri emorragiche e ricercatore di Lione. Questo ceppo, infatti, è simile per il 97% a quello identificato per la prima volta nel 1976. Necessario quindi tenere sotto osservazione le eventuali mutazioni: i test diagnostici attuali potrebbero diventare inutili così come le cure sperimentali a fronte di un mutamento rilevante.

"Ci ha molto sorpreso - ha detto alla stampa Baize - identificare questo ceppo nell'Africa occidentale. Per arrivare là aveva percorso duemila chilometri, moltiplicando per tre il numero delle persone a rischio". In base a questa esperienza, gli esperti dell'Istituto considerano necessario che ci sia adeguata formazione anche nei Paesi che oggi non sono toccati dall'epidemia.

Riproduzione riservata
© Copyright Adnkronos
Tag
Vedi anche
ora in
Prima pagina
articoli
in Evidenza