cerca CERCA
Venerdì 02 Dicembre 2022
Aggiornato: 03:01
Temi caldi

Ecco la denuncia di Richetti: "Io vittima di stalking, su Fb offese pure ai miei cari"

16 settembre 2022 | 21.45
LETTURA: 4 minuti

La storia "giudiziaria" del senatore Richetti, secondo quanto risulta all'Adnkronos che ha potuto leggere gli atti di una vicenda che il parlamentare di Azione definisce, attraverso i legali, "altamente lesiva della sua reputazione"

alternate text

Ecco la storia "giudiziaria" del senatore Matteo Richetti, secondo quanto risulta all'Adnkronos che ha potuto leggere gli atti di una vicenda che il parlamentare di Azione definisce, attraverso i legali, "altamente lesiva della sua reputazione". Un caso a dir poco controverso (su cui la procura ha aperto un fascicolo) che tratta di asserite molestie sessuali denunciate a Fanpage da una donna che, a suo dire, avrebbe ricevuto avances di vario genere da un senatore. Tutto ha inizio il 29 novembre 2021 quando Richetti si reca alla polizia postale di Roma per presentare una denuncia contro ignoti.

Leggi anche

Il senatore racconta alla polizia che sul suo profilo Facebook, quattro giorni prima, sotto una foto che lo ritrae insieme a ragazzi del suo staff, compare un commento durissimo dove Richetti viene apostrofato con frasi ingiuriose (fra le altre "omm 'e merda, te devono arrestà") e viene anche tirata in ballo una militante di Azione definita "schiava sessuale". Il tono del post è violento, ed è lo steso utilizzato dalla medesima utente il 28 novembre in un commento postato addirittura sul profilo della figlia di Richetti. Sempre a quanto risulta all'Adnkronos, la situazione degenera perché la misteriosa signora non si fa scrupolo di attaccare tutta la famiglia del senatore con frasi obiettivamente non riportabili. Sempre il 28 novembre lo staff di Azione segnala un commento ingiurioso della stessa utente, che si firma con nome falso. Anche qui frasi sconnesse, gravi accuse, e insulti alla collaboratrice citata nei precedenti commenti. Persino il fratello della militante, secondo quanto Richetti racconta alla polizia, il 27 novembre viene preso di mira con post altrettanto violenti. Ma non finisce qui.

E' sempre Richetti a denunciare un sms ricevuto sul suo telefono il 19 novembre 2021 nel quale una asserita donna accusa Richetti di nefandezze di ogni genere. Anche qui frasi irriportabili accanto a espressioni tipo "sei uno schifoso" oppure "tu sei malato di testa" e via discorrendo. Richetti - a quanto risulta all'Adnkronos - alla polizia allega lo screenshot con numero di telefono del lunghissimo messaggio ricevuto, oltre alle fotografie dei commenti postati sui social. Stando a quanto risulta all'Adnkronos, la polizia avrebbe oscurato per ben due volte i profili fake da cui sarebbero partiti i commenti. Sembrerebbe esserci stata anche una perquisizione, che non avrebbe però portato a identificare la misteriosa donna.

Nelle ultime ore i social sono ritornati prepotentemente sulla scena perché è lì che si è scatenata la caccia al presunto parlamentare molestatore dopo un articolo di Fanpage. In una intervista rilasciata alla testata on line una donna anonima racconta di essere stata molestata da un "importante" senatore, senza fare nomi.

Ci pensa Azione, partito nel quale Richetti milita ed è candidato, a rendere pubblica la cosa con un comunicato diffuso in serata: "Da un anno - si legge nella nota - il senatore Richetti ha denunciato alla magistratura e alla polizia postale attività di stalking e minacce riconducibili a una donna già nota alle forze dell'ordine. Attraverso messaggi contraffatti, finti account social e telefonate, la persona in questione sta molestando da mesi il senatore e la sua famiglia. Tutto il materiale è in mano alla magistratura".

E ancora: "Il fatto che un sito di informazione, a dieci giorni dalle elezioni, riporti anonimamente accuse tanto gravi senza avere il coraggio di fare il nome del senatore, ma pubblicando foto parziali che lo rendono riconoscibile, rappresenta uno nuovo livello di bassezza della stampa italiana. Il senatore che in questa vicenda è parte lesa, non essendo mai stato neanche denunciato dalla donna in questione, procederà legalmente per difendere la sua onorabilità in tutte le sedi".

LA DENUNCIA - "Da alcuni mesi sono a conoscenza dell'esistenza di un dossier diffamatorio a mio carico recapitato all'indirizzo di numerose redazioni e testate giornalistiche". E' quanto si legge in una denuncia presentata lo scorso 13 settembre alla Polizia postale di Roma dal senatore di Azione Matteo Richetti, finito nella bufera dopo l'intervista, rilasciata a Fanpage da una donna anonima, nella quale la fonte denuncia di essere stata molestata da un misterioso parlamentare. Nella denuncia, di cui l'Adnkronos ha preso visione, Richetti afferma che le sue collaboratrici, appartenenti allo staff di Azione, sarebbero state contattate da una giornalista freelance, la quale le avrebbe "invitate" a "rivelare eventuali approcci sentimentali subiti, dichiarando di agire nell'interesse e tutela delle donne".

Richetti poi sostiene di aver parlato con la stessa giornalista, che gli avrebbe letto il contenuto di messaggi a lui attribuiti: messaggi che Richetti bolla come "totalmente artefatti" in quanto "da me né prodotti e né inviati". Per Richetti si tratta di un dossier "altamente lesivo della mia reputazione oltretutto in considerazione del periodo elettorale e della mia candidatura alle prossime elezioni politiche". Da qui la denuncia alla Polizia postale, che fa il paio con quella presentata nel novembre 2021 dopo la comparsa di una serie di commenti ingiuriosi sui profili dello stesso Richetti, dei suoi familiari e del partito Azione.

(di Antonio Atte)

Riproduzione riservata
© Copyright Adnkronos
Tag
Vedi anche
ora in
Prima pagina
articoli
in Evidenza