cerca CERCA
Venerdì 12 Luglio 2024
Aggiornato: 16:40
10 ultim'ora BREAKING NEWS

Il cigno è grigio ma le crisi si possono affrontare. Il libro di Costanzo

Il manager Biagino Costanzo pubblica per Rubbettino un saggio in cui si analizzano gli eventi che hanno scosso gli ultimi vent'anni, e le strategie per non farsi cogliere impreparati

Il cigno è grigio ma le crisi si possono affrontare. Il libro di Costanzo
21 giugno 2024 | 16.01
LETTURA: 2 minuti

Stiamo vivendo un’epoca dove tutto è veloce, dalle crisi finanziarie, a quelle dell’ecosistema, dalle grandi migrazioni alla sopravvenuta, improvvisa emergenza pandemica, dalle le guerre regionali alle porte del nostro Continente, all’avvento di un ponderoso progresso tecnologico (dalle app, ai social, alla intelligenza artificiale) da regolare assolutamente.

Ed è in questo contesto storico geopolitico che interviene “Il Cigno E’ grigio (Catrovacer, cerca, trova, pre-vedi”) edito da Rubbettino Editore per la collana editoriale “Intelligence e sicurezza” della Fondazione ICSA, di Biagino Costanzo, manager italiano con esperienza più che trentennale nel campo economico, legale e della sicurezza in grandi aziende private, con una parentesi di qualche anno al servizio dello Stato italiano, e professore a contratto in Master universitari.

Secondo Costanzo quello che è successo negli ultimi anni, caratterizzati da eventi inediti, cambiamenti, quasi epocali, ma condizionati da vecchi errori e resistenti abitudini, non è servito per far riflettere le classi dirigenti ma anche i cittadini, anche chi vive in una innata distrazione, che ha resto la nostra società individualista, ammantata da una strisciante superficialità.

Se nel primo saggio “Saligia” (l’evoluzione inciampa…ancora), con la prefazione di Paolo Messa, Costanzo ha “fotografato” tanti e diversi avvenimenti che hanno caratterizzato il decennio 2007/2017 del ventunesimo secolo, dall’economia, al lavoro, dalla salute alla politica, dalla sicurezza alla cronaca, dall’estero all’attualità; in questo nuovo libro continua il solco tracciato dall’autore che osserva, “cerca e, a volte, trova” un significato in quello che vede, analizza, indica possibili soluzioni.

Secondo il Prof. Umberto Saccone, che ne ha curato la prefazione, negli scritti di Costanzo emerge una lucida analisi profetica dovuta alla capacità riflessiva di leggere e anticipare i sussulti della società odierna sempre più liquida. Tutti questi argomenti sono emersi alla Luiss Business School dove il saggio è stato presentato a conclusione della Terza Edizione del Corso Executive in Security Risk Management guidata da Saccone, organizzato dall’ Ateneo ed EY.

È giusto ancora parlare di cigni neri? Di eventi a bassissima intensità e a elevato impatto? Di eventi che possono essere previsti e quindi di conseguenza abbassare il livello del rischio ante e non meravigliarsi dell’accaduto nel post incidente?

L’opera si declina in tre sezioni (Digitalizzazione, cybercrime e tutela della privacy; Sicurezza e legalità; L’era della “permacrisi”). Nella prima e seconda l’autore interviene con molti contributi che riguardano la propria esperienza diretta e le sue competenze professionali.

L’intento è dare un utile spaccato ad ampio spettro delle criticità, sfide e opportunità con cui ci incrociamo ogni giorno. Gli spunti di riflessione sono tanti, non tutto è imprevedibile e non gestibile, spesso è l'essere umano a farsi trovare impreparato nel governare gli eventi o cogliere le opportunità.

È necessario dare una diversa prospettiva di lettura alle cose che accadono perché scompagina i luoghi comuni generando, finalmente, il pensiero critico merce rara e perciò preziosa, di cui avremmo bisogno in diversi, delicati, ambiti.

Riproduzione riservata
© Copyright Adnkronos
Tag
Vedi anche


SEGUICI SUI SOCIAL



threads whatsapp linkedin twitter youtube facebook instagram
ora in
Prima pagina
articoli
in Evidenza