cerca CERCA
Mercoledì 29 Novembre 2023
Aggiornato: 15:34
Temi caldi

Twitter, editori musicali fanno causa: "Massicce violazioni del copyright"

15 giugno 2023 | 09.46
LETTURA: 2 minuti

Chiedono più di 250 milioni di dollari di danni. La X Corp di Elon Musk, proprietaria del social, è l'unica imputata

Fotogramma /Ipa
Fotogramma /Ipa

Una coalizione di editori musicali, tra cui Universal Music Publishing Group, Warner Chappell Music e Sony Music Publishing, sta facendo causa a Twitter per "massicce violazioni del copyright" che riguardano i rispettivi cataloghi musicali delle società. Diciassette editori musicali, che detengono i diritti di artisti come Drake, Taylor Swift e Adele, hanno intentato una causa congiunta presso il tribunale federale del Tennessee. Chiedono più di 250 milioni di dollari di danni. La X Corp di Elon Musk, proprietaria di Twitter, è l'unica imputata.

"Twitter è la più grande piattaforma di social media che si è completamente rifiutata di concedere in licenza i milioni di canzoni presenti sul suo servizio", ha dichiarato in un comunicato David Israelite, amministratore delegato della National Music Publishers' Association. "Twitter sa benissimo che la musica viene diffusa, lanciata e ascoltata in streaming da miliardi di persone ogni giorno sulla sua piattaforma. Non può più nascondersi dietro il (Digital Millennium Copyright Act) e rifiutarsi di pagare gli autori e gli editori musicali".

Israelite ha accusato Twitter di aver messo in piattaforma musica, video musicali protetti da copyright e altro materiale. Secondo le regole del Dmca, Twitter e altri siti web di social media sono protetti da attacchi al diritto d'autore per il materiale caricato dagli utenti, a condizione che si impegnino a rimuovere il materiale violato e a punire gli utenti colpevoli. Tuttavia, la causa sostiene che Twitter non è riuscito a farlo.

"Twitter sostiene inoltre di rimuovere rapidamente i contenuti in risposta a reclami validi, quasi sempre entro ore dalle segnalazioni iniziali, se non in pochi minuti", si legge nella causa. "Ma la realtà è che Twitter ignora abitualmente i trasgressori recidivi e le violazioni note, rifiutandosi di adottare le semplici misure di cui dispone per fermare questi specifici casi di violazione di cui è a conoscenza".

I 17 editori che hanno fatto causa a Twitter sono ABKCO Music, Anthem Entertainment, Big Machine Music, BMG Rights Management, Concord, Hipgnosis, Kobalt, Mayimba, Peer, Reservoir Media Management, Sony Music Publishing, Spirit Music Group, the Royalty Network, Ultra Music Publishing, Universal Music Group Publishing, Warner Chappell e Wixen.

Twitter ha da tempo attirato le ire degli editori musicali, anche prima che Musk acquistasse il sito nell'ottobre 2022. In un'audizione del 2020 davanti alla sottocommissione giudiziaria del Senato degli Stati Uniti, la Recording Industry Association of America ha accusato Twitter di non aver intrapreso alcuna azione per fermare la "pirateria su scala industriale" sul suo sito web.

Riproduzione riservata
© Copyright Adnkronos
Tag
Vedi anche


SEGUICI SUI SOCIAL



whatsapp linkedin twitter youtube facebook instagram
ora in
Prima pagina
articoli
in Evidenza