cerca CERCA
Mercoledì 18 Maggio 2022
Aggiornato: 16:35
Temi caldi

Teatro Opera: Abbagnato, mio cuore sempre in Italia, forse ritornerò a ballare

10 maggio 2015 | 18.12
LETTURA: 4 minuti

Il sindaco di Roma e il sovrintendente Fuortes presentano la nuova direttrice della compagnia del Costanzi. "Non escludo di ballare a Roma ma per ora resto etoile a Parigi. Voglio portare nella capitale i grandi nomi della scena mondiale", assicura. Marino lancia l'iniziativa 'Corri all'Opera': biglietti last minute a 15 euro per gli under 26

alternate text
Eleonora Abbagnato (foto Infophoto)

"Sono felice che il sindaco di Roma, Ignazio Marino, e il sovrintendente Fuortes abbiano creduto nella mia passione. Il mio cuore è sempre stato in Italia e questo teatro ha bisogno di gente con passione che crede nella danza". Sono le prima parole di Eleonora Abbagnato, etoile de l'Opera di Parigi, nuova direttrice del corpo di ballo del teatro dell'Opera di Roma presentata oggi alla stampa dal sindaco di Roma Ignazio Marino e dal sovrintendente Carlo Fuortes.

L'incontro si è svolto al Teatro Nazionale prima della lezione aperta degli allievi della scuola di danza del Teatro dell'Opera di Roma diretta da Laura Comi. Eleonora Abbagnato, trentasei anni, origini siciliane, moglie del difensore della Roma Federico Balzaretti e madre di due bambini, ha affermato: "Oggi, fortunatamente, abbiamo al Teatro dell'Opera un sovrintendente che ama la danza, cosa che è mancata in tutti questi anni".

E a proposito di un suo possibile ritorno in scena al Costanzi l'etoile ha confessato: "Potrei ancora ballare, non c'è dubbio, ma oggi penso soprattutto ai ballerini. Il mio obiettivo è rimanere etoile all'Opera di Parigi dove tra l'altro c'è un nuovo direttore che ha la mia stessa età, Benjamin Millepieds. Non escludo comunque di poter un giorno ballare per il pubblico di Roma, chissà forse. Ma per adesso - ha continuato - stiamo anche lavorando per poter portare la compagnia a Parigi".

Eleonora Abbagnato ha aggiunto che "grazie all'esperienza del teatro dell'Opera di Parigi, oltre 150 spettacoli di balletto l'anno, ha conosciuto i più grandi nomi della coreografia internazionale come Kylian, Forsythe, Neumeier e Rudolf Nureyev. Vorrei portare -ha annunciato- i grandi nomi della scena mondiale a Roma e la compagnia del Costanzi al livello di quella della Scala, magari superarla".

In occasione della presentazione ufficiale della nuova direttrice del corpo di ballo, il sindaco di Roma, Ignazio Marino ha lanciato il progetto dedicato ai giovani "Corri all'Opera", con biglietti 'last minute' al prezzo speciale di 15 euro per il pubblico under 26 su tutti gli spettacoli in cartellone al Costanzi e a Caracalla. Verranno messi in vendita, infatti, i biglietti dei posti rimasti invenduti. Basterà presentarsi alla biglietteria del Teatro 30 minuti prima dell'inizio di ogni rappresentazione, escluse le prime. L'offerta sarà valida fino all'esaurimento dei posti liberi che verranno assegnati dal Teatro senza possibilità di scelta.

Sull'atmosfera che si respira al Teatro dell'Opera di Roma la neodirettrice Abbagnato ha confessato: "C'è grande positività, c'è grande energia. Voglio milioni di persone che vengano a seguire la danza". Sulla compagnia, Abbagnato non ha dubbi: "I contratti a lunga scadenza per i danzatori sono fondamentali per la crescita del corpo di ballo. Ed è importante che i danzatori siano seguiti anche dagli stessi maestri". La nuova direttrice ha scelto come maitre de ballet Patricia Ruanne, partner storica di Nurayev, Federic Sahm, Stephane Phavorine.

Il sovrintendente Carlo Fuortes ha spiegato: "Vogliamo investire e rafforzare il corpo di ballo, vogliamo un corpo di ballo stabile, sempre all'interno della legge che purtroppo impone vincoli sui contratti. La situazione, rispetto al passato, è già cambiata". E a luglio tutti alla sbarra per la prima audizione del dopo-Misha Van Hoecke.

Riproduzione riservata
© Copyright Adnkronos
Tag
Vedi anche
ora in
Prima pagina
articoli
in Evidenza