cerca CERCA
Domenica 29 Maggio 2022
Aggiornato: 08:32
Temi caldi

Danza: Abbagnato 'in diretta video' presenta all'Opera di Roma 'Annonciation'

10 marzo 2017 | 14.15
LETTURA: 3 minuti

alternate text
Eleonora Abbagnato protagonista al Teatro dell'Opera di Roma di 'Annonciation' di Angelin Preljocaj (foto di Jean-Charles Verchère)

Doppio appuntamento domenica prossima al Teatro dell'Opera di Roma. In programma nel foyer del Teatro Costanzi la seconda lezione del progetto divulgativo 'I coreografi, i ballerini e noi' (ore 11), mentre nel pomeriggio (ore 16.30) al Teatro Nazionale con i primi ballerini, i solisti e il Corpo di Ballo del Teatro dell’Opera di Roma incontro per 'Coppélia', il balletto firmato da Giorgio Mancini, in cartellone dal 12 (ore 16.30) al 16 marzo (matinée per le scuole alle ore 11).

Nel primo appuntamento della giornata Gaia Clotilde Chernetich introdurrà al grande pubblico il trittico 'Robbins/Preljocaj/Ekman', in scena al Teatro Costanzi dal 31 marzo all’8 aprile comprendente tre creazioni firmate da Jerome Robbins su musiche di Frédéric Chopin ('The concert'), Angelin Preljocaj su brani di Stéphane Roy e sul 'Magnificat' di Vivaldi ('Annonciation' interpretata da Eleonora Abbagnato, étoile di Palais Garnier e direttrice della compagnia del Teatro dell'Opera di Roma), Alexander Ekman su pagine scelte di Haydn, Beethoven, Mahler, Schubert ('Cacti').

Parteciperanno all'incontro, tra gli altri, Claudio Cocino, recentemente nominato primo ballerino del Teatro dell’Opera di Roma. In diretta video dalla sala prove Eleonora Abbagnato che in questi giorni sta provando il balletto 'Annonciation', mentre all'Opéra di Parigi è in cartellone, tra le interpreti, di 'Sogno di una notte di mezza estate' di George Balanchine. Nella stessa giornata il coreografo Giorgio Mancini racconterà la sua personalissima 'Coppélia', nata su una partitura originale di Léo Delibes.

Mancini, la mia 'Coppelia' autobiografica, è il balletto che mi ha avvicinato alla danza

Lo spettacolo di Giorgio Mancini, pensato per il pubblico dei più giovani, rientra nella programmazione del 'Dipartimento Didattica e Formazione' del Teatro dell’Opera di Roma che promuove la diffusione della cultura musicale e coreutica tra le nuove generazioni. Dopo la prima rappresentazione di domenica 12 marzo destinata al grande pubblico, si replica martedì 14, mercoledì 15 e giovedì 16 marzo alle ore 11.00 per le scuole.

La versione proposta al Teatro Nazionale è quella creata da Giorgio Mancini per il Teatro San Carlo di Napoli nel 2009. Il coreografo rivisita la drammaturgia del balletto, offrendo una visione più psicologica dei personaggi e più vicina all’originale testo di Hoffmann. In chiave moderna è ripensata l’ambientazione, che si ispira alla società dell’effimero e alla continua celebrazione postmoderna del culto dell’immagine.

''Oggi, a distanza di otto anni, penso di aver realizzato un balletto autobiografico - ha dichiarato Giorgio Mancini - Una sorta di balletto nel balletto che mette in luce la mia poliedrica personalità. 'Coppélia' è stato il primo titolo che ho danzato da bambino e quello importante che mi ha avvicinato alla danza in maniera decisiva. La mia versione - ha aggiunto -è una lettura per adulti e bambini con un'impronta vitalissima e stracarica di allegria'.

Riproduzione riservata
© Copyright Adnkronos
Tag
Vedi anche
ora in
Prima pagina
articoli
in Evidenza