cerca CERCA
Giovedì 08 Dicembre 2022
Aggiornato: 16:25
Temi caldi

Elezioni 2022, Letta: "Non mi ricandido a segretario Pd"

26 settembre 2022 | 12.47
LETTURA: 2 minuti

"E' un giorno triste per l'Italia, da noi opposizione dura e intransigente"

alternate text
(Foto Afp)

"Gli italiani hanno scelto, è stata una scelta chiara e netta: l'Italia avrà un governo di destra. E' un giorno triste per l'Italia e per l'Europa, ci aspettano giorni duri". Così il segretario del Pd Enrico Letta in conferenza stampa dopo l'esito delle elezioni politiche 2022, annunciando che non si ricandiderà come segretario del Pd al prossimo Congresso.

Leggi anche

"Nei prossimi giorni riuniremo gli organi di partito, prenderemo le opportune decisioni per accelerare un percorso che porterà a un congresso di profonda riflessione su cosa vuole essere un nuovo Pd, all'altezza di una sfida epocale davanti a una destra con un mandato forte - ha affermato - Assicurerò in spirito di servizio la guida del Pd nelle prossime settimane, in vista di questo congresso a cui non mi ripresenterò candidato. Spetta ad una nuova generazione rilanciare il Pd nell'interesse dell'Italia e dell'Europa".

"Gli errori ci sono e ci sono stati, io faccio una scelta nell’interesse massimo di un partito che ha bisogno di avviare la costruzione della legislatura e convocare il Congresso- ha aggiunto - Credo sia meglio che sia io a convocarlo piuttosto che cominciare altre dinamiche che farebbero perdere tempo. E' il mio gesto di amore verso il partito, la mia leadership finirà appena il Congresso avrà individuato una nuova leadership".

"Ci siamo battuti per evitare questo esito - ha detto ancora - Ora andiamo all'opposizione, che sarà dura e intransigente. Il Pd non permetterà che l'Italia esca dal cuore dell'Europa, che l'Italia si stacchi dai valori europei. Non permetteremo che l'Italia si stacchi dai valori della Costituzione".

"E' un risultato insoddisfacente ma il Pd è il secondo partito del Paese, il secondo gruppo Parlamentare ed è la prima forza di opposizione nel Parlamento e nel Paese", ha quindi sottolineato, affermando: "Sono particolarmente amareggiato per il collegio di Emma Bonino, ha confermato che c'è stato un fuoco amico contro di noi, la candidatura di Calenda ha finito per aiutare il candidato di destra".

"I numeri dimostrano che l'unico modo per battere la destra è fare il campo largo, non è stato possibile non per nostra volontà, si sono sfilati alcuni interlocutori", ha aggiunto ricordando che "se siamo arrivati al governo Meloni è per via del fatto che Conte ha fatto cadere il governo Draghi".

"Una convergenza delle opposizioni è assolutamente necessaria e il fatto che non sarò io a gestire questa fase aiuterà. Bisogna creare nuove dinamiche", ha detto ancora.

Riproduzione riservata
© Copyright Adnkronos
Tag
Vedi anche
ora in
Prima pagina
articoli
in Evidenza