cerca CERCA
Sabato 24 Settembre 2022
Aggiornato: 18:02
Temi caldi

Letta: "Lega disdica accordo con partito di Putin"

18 agosto 2022 | 20.42
LETTURA: 2 minuti

Il leader dem: "Russia ha deposto scheda nell'urna, vuole cambiare il corso della politica estera italiana"

alternate text
(Fotogramma)

"Il rischio'' di ingerenze russe ''è già chiarissimo. La Russia ha deposto la scheda nell'urna, vuole cambiare il corso della politica estera italiana. Una politica estera che con il governo Draghi è stata molto netta nel frenare l'espansionismo russo e nello stare con l'Europa e con l'Alleanza atlantica''. Lo ha sottolineato Enrico Letta al Tg1 commentando le ultime dichiarazioni di Medvedev. ''Noi dobbiamo riconfermare questa scelta - ha detto il leader del Pd - ed è chiaro che il voto del 25 settembre sarà anche su questo''.

Leggi anche

"C'è un partito italiano, la Lega, che ha un accordo firmato nel 2017 con Russia Unita, il partito di Putin. Questo accordo deve essere disdettato. Se non lo fanno, è gravissimo per la sovranità del nostro Paese'' ha affermato Letta.

Il leader dem ha parlato delle elezioni anche con la Cnn. "La prima cosa è che se Meloni vincesse le elezioni le persone più felici a livello globale sarebbero Donald Trump, Putin e in Europa Orban. In primo luogo ci sarebbe un grosso rischio di cambiamento nella presenza italiana a livello globale - ha detto il segretario Pd - Per quello che pensiamo nel Partito democratico ci sarebbe anche un grande rischio per il futuro del Paese in termini di economia, sociali e per il modo in cui il Paese viene gestito dal punto di vista dell'unità e della coesione".

"Il partito di Giorgia Meloni con i suoi due alleati ha rovesciato il governo Draghi che stava lavorando benissimo. Questo è il primo grande errore che hanno compiuto e credo che si sia trattato di una pessima scelta per il Paese - ha sottolineato Letta alla Cnn - Il governo Draghi stava gestendo il Paese con scelte molto buone e positive, con l'attuazione del Recovery Plan attraverso il grande ammontare di denaro europeo, per rendere il Paese più affidabile e più conforme alla transizione digitale e in termini di sostenibilità. Il grande rischio che vedo è un'interruzione di questo processo perché i tre partiti di destra hanno lavorato assieme per fermare il governo Draghi. Noi lo abbiamo sostenuto e vorremmo portare avanti le politiche che erano al cuore dell'agenda Draghi".

Riproduzione riservata
© Copyright Adnkronos
Tag
Vedi anche
ora in
Prima pagina
articoli
in Evidenza