cerca CERCA
Lunedì 26 Settembre 2022
Aggiornato: 11:50
Temi caldi

Elezioni 2022, depositato l'ultimo simbolo al Viminale

14 agosto 2022 | 08.16
LETTURA: 1 minuti

101 i contrassegni presentati, Ferragosto di lavoro per i funzionari del ministero

alternate text
(Fotogramma)

E' stato affisso al Viminale il simbolo della lista 'Italia dei Diritti - De Pierro'. E' l’ultimo tra i contrassegni depositati esposto in bacheca. E' il centounesimo. Gli uffici del ministero dell'Interno sono tornati ad aprirsi oggi dalle 8 alle 16 in vista delle elezioni politiche del 25 settembre 2022. Oggi era l'ultimo giorno, da domani sarà un Ferragosto di lavoro per i funzionari del ministero, che dovranno controllare i documenti per permettere poi, martedì, l'invio delle notifiche ai singoli soggetti che hanno depositato i contrassegni, con eventuali richieste di integrazioni.

Leggi anche

Il primo simbolo affisso oggi in bacheca al Viminale è della lista ‘Peretti-Democrazia Cattolica Liberale', a seguire la lista ‘Unione Popolare con De Magistris’.

Ieri è stata la giornata dei partiti principali delle coalizioni. Prima Fratelli d'Italia, che ha riproposto il simbolo del 2018: la fiamma tricolore sormontata dal nome di Giorgia Meloni. Nessuna sorpresa dell'ultima ora quindi rispetto alla fiamma, di cui la senatrice Liliana Segre aveva chiesto la rimozione.

Poi è stata la volta del Movimento 5 Stelle, rappresentato dal presidente Giuseppe Conte. Un evento a suo modo unico, la prima volta, almeno a memoria dei funzionari di lunga data del Viminale, di un ex presidente del Consiglio che consegna direttamente la documentazione necessaria a depositare il simbolo. "Cuore e coraggio", le poche parole di Conte, che ha anche affisso personalmente il simbolo in bacheca.

A seguire il Partito democratico. Giunto abbastanza distanziato nel tempo da Giuseppe Conte, oltre un'ora dopo. Ma non abbastanza da evitare la curiosa coincidenza: i due simboli, M5S e Pd, uno accanto all'altro.

Riproduzione riservata
© Copyright Adnkronos
Tag
Vedi anche
ora in
Prima pagina
articoli
in Evidenza