cerca CERCA
Mercoledì 28 Settembre 2022
Aggiornato: 12:11
Temi caldi

Elezioni 2022, sondaggista Noto: "Calenda e Renzi insieme? Partenza a doppia cifra"

08 agosto 2022 | 22.01
LETTURA: 1 minuti

Lo strappo di Azione col Pd nuoce più al centrodestra che potrebbe perdere il 2% di elettorato moderato

alternate text

Lo strappo del leader di Azione Calenda farebbe guadagnare sia Azione che il Partito democratico, nuocendo al centrodestra che "potrebbe perdere circa due punti percentuali di elettorato moderato". Lo dice all'Adnkronos il sondaggista Antonio Noto che spiega: "Il Pd acquista qualche punto percentuale recuperando i voti che avrebbe ceduto al M5s in seguito all'alleanza con Calenda, che a sua volta sale dal 5% al 7% perché correndo da solo diventa trasversale e avrà più visibilità. C'è infatti anche la possibilità che questa percentuale aumenti arrivando al 10%".

"Vero che i collegi uninominali per Calenda rinunciando all'accordo con il Pd sono persi tutti - prosegue il sondaggista - ma poiché il centrosinistra comunque sarà sconfitto, meglio perdere costruendosi una identità. Tra l'altro - aggiunge - in caso di accordo tra Renzi e Calenda, in termini di partenza ci potrebbe essere la doppia cifra. Ma è molto difficile fare previsioni, bisogna vedere come evolverà la campagna elettorale. Senz'altro lo scioglimento dell'accordo con il Pd potrebbe far perdere qualcosa dell'elettorato moderato per circa due punti percentuali al centrodestra, anche se rimarrà vincente".

Riproduzione riservata
© Copyright Adnkronos
Tag
Vedi anche
ora in
Prima pagina
articoli
in Evidenza