cerca CERCA
Martedì 07 Dicembre 2021
Aggiornato: 10:44
Temi caldi

Elezioni, comitato referendum: "Conte su scorporo non chiude"

28 maggio 2020 | 15.24
LETTURA: 1 minuti

Cangini: "Il premier ha detto che si prenderà un surplus di riflessione con i partiti della maggioranza. Opzione possibile è abbinamento con ballottaggi, sarebbe male minore"

alternate text
(Fotogramma)

Un'ora di colloquio a palazzo Chigi tra i rappresentanti del comitato promotore del referendum sul taglio dei parlamentari e il premier Giuseppe Conte. Sul tavolo la richiesta del comitato di rivedere l'ipotesi del super election day con regionali, amministrative e referendum.

Una richiesta, si riferisce, di fronte alla quale il presidente del Consiglio si sarebbe mostrato attento. "Ha detto che si prenderà un surplus di riflessione con i partiti della maggioranza", spiega Andrea Cangini all'Adnkronos. "Noi abbiamo illustrato anche i pareri di tanti costituzionalisti secondo cui non si possono abbinare due voti di natura diversa. La legge sull'election day, infatti, prevede tutti gli accorpamenti possibili ma non quello con un voto sulla Costituzione che ha un rango e una logica diversa".

Un'opzione possibile per arrivare a una sintesi potrebbe essere quella di accorpare il referendum ai ballottaggi: "Sarebbe il male minore", sottolinea Cangini. Altrimenti con il super election day "non solo avresti un'alterazione del risultato del referendum ma anche della partecipazione. E sappiamo, perché conosciamo il sistema, che si parlerebbe solo delle regionali e affatto del referendum. Mentre vorremmo almeno poter informare il Paese sul taglio del numero dei parlamentari e il ruolo del Parlamento. Un'azione di buonsenso nei confronti della collettività".

Riproduzione riservata
© Copyright Adnkronos
Tag
Vedi anche
ora in
Prima pagina
articoli
in Evidenza