cerca CERCA
Giovedì 28 Ottobre 2021
Aggiornato: 17:58
Temi caldi

Elezioni Usa, le star di Happy Days litigano per Trump e Biden

17 dicembre 2020 | 17.36
LETTURA: 1 minuti

alternate text
(Fotogramma)

Gli 'Happy Days' sono finiti da tempo e ora sembra anche che stia per vacillare l'amicizia che ancora legava le star della celebre sit-com americana. Colpa della politica, sempre più divisiva dopo le elezioni Usa 2020, nonostante la campagna presidenziale si sia conclusa da un mese e mezzo, con Joe Biden destinato a succedere a Donald Trump. Chachi, al secolo Scott Baio, se l'è presa con Ralph Malph, al secolo Don Most, dopo che quest'ultimo aveva criticato la sua mancata partecipazione ad una reunion, organizzata per raccogliere fondi per i candidati democratici in Wisconsin, lo stato del Midwest dove era ambientata la serie.

Baio, oggi 60enne, ha definito "deludenti" le parole di Most che in una recente intervista si era detto "non sorpreso" della sua assenza all'evento di raccolta fondi, che si era svolto il 25 ottobre. Il 'cugino di Fonzie', questo il suo ruolo in Happy Days, ha rotto il silenzio con una dichiarazione inviata a Fox News. "Il mondo dello spettacolo non dovrebbe essere politicizzato, soprattutto quando si parla di show storici come 'Happy Days', che hanno un impatto così potente nel cuore di tanti americani", ha detto Baio.

"Usare il nome dello show per sostenere un candidato, a mio giudizio, era sbagliato", ha aggiunto Chachi, che ha però lasciato la porta aperta ad una riconcilazione con Ralph e gli altri attori della serie, compreso Henry Winkler-Fonzie, che invece aveva partecipato all'evento elettorale a favore dei democratici. La polemica, ha sottolineato, "non cambia il mio affetto per Donny (Don Most), Henry (Winkler) e il resto del cast di Happy Days. Vorrei solo che avessero riflettuto di più".

Riproduzione riservata
© Copyright Adnkronos
Tag
Vedi anche
ora in
Prima pagina
articoli
in Evidenza