cerca CERCA
Domenica 26 Giugno 2022
Aggiornato: 07:12
Temi caldi

Sanremo

Elio e le Storie Tese: "'Figgatta de blanc' è l'album delle prime volte"

12 febbraio 2016 | 13.35
LETTURA: 3 minuti

alternate text
Elio e le Storie Tese (foto Fotogramma)

di Ilaria Floris

Per la prima volta esce durante il festival, ("Come fanno quelli seri"), per la prima volta tutti e quattro si cimentano in una performance canora e, per la prima volta, all'interno c'è un gadget esclusivo, ovvero un vibratore "dal design scandinavo". L'album di Elio e le Storie Tese, 'Figgatta de blanc' (chiara parafrasi del titolo del secondo album dei Police, 'Reggatta de Blanc'), esce oggi e -nonostante sia l'undicesimo album dell'istrionica band- è il disco 'delle prime volte'.

Tredici canzoni nuove di zecca "più una usata", un album cui la band attribuisce la definizione generica di 'rock demenziale', ma in realtà caratterizzato da brani che hanno un differente approccio ritmico e strumentale. "Per la prima volta abbiamo deciso di far uscire il nostro disco durante il festival, come fanno quelli 'seri', perché oggettivamente, farlo uscire in un altro periodo come abbiamo sempre fatto non era proprio una strategia azzeccata, ma è perché noi siamo un pò 'cazzoni'", spiega Elio.

Ma le 'prime volte' del disco non si fermano qui: "In 'Vincere l'odio', che portiamo a Sanremo usiamo per la prima volta parole mai usate all'Ariston, tipo 'femminiello', 'ebreo ellenizzato di Tarso' e 'topinambur'", scherzano gli Eelst. Nel brano 'I delfini nuotano', tutti e quattro i componenti del gruppo per la prima volta fanno sentire la loro voce. Siamo partiti dal fatto che la musica pop è in quattro quarti - spiega Rocco Tanica- e ci siamo suddivisi un quarto a testa". Il risultato sono quattro storie che si intrecciano, senza che "nessuno sapesse niente fino all'ultimo di quella degli altri".

Un altro brano che rappresenta una novità è 'Il mistero dei bulli', che "abbiamo impiegato circa 19 anni per registrarlo. Eravamo soddisfatti della musica, ma mai del testo". Il titolo originale "doveva essere 'Il ragazzo della via gluteo'", dice Elio, e racconta la storia di un ragazzo preso di mira da quelli del suo paese. "D'altronde, i bulli di adesso sono i figli dei tamarri che rompevano i cogl... a noi", scherza il gruppo.

Dal 29 aprile partirà il tour degli Elii 'Piccoli Energumeni Tour', che prenderà il via il 29 aprile da Assago, al Mediolanum Forum, per poi proseguire il 7 maggio a Roma (Palalottomatica), il 14 maggio a Bologna (Unipol Arena), il 13 maggio a Rimini (105 Stadium), il 15 maggio a Torino (PalaAlpitour), il 17 maggio a Montichiari (Palageorge), il 20 maggio a Firenze (Nelson Mandela Forum) e il 21 mggio a Padova (Gran Teatro Geox).

"Stavolta vorremmo fare uno spettacolo 'vero' - racconta Elio- vogliamo andare nei palazzetti più grandi, che è una cosa che non abbiamo mai fatto. Fino adesso siamo sempre andati in scena improvvisando, un po' come avviene a Sanremo". Per lo show, "che sarà tutto a basso costo, come nello stile Elio e le Storie Tese, un po' 'raffazzonato'", sono previste scenografie curate e "vorremmo anche delle ballerine -spiega il gruppo- magari delle 'milf'".

Riproduzione riservata
© Copyright Adnkronos
Tag
Vedi anche
ora in
Prima pagina
articoli
in Evidenza