cerca CERCA
Sabato 25 Giugno 2022
Aggiornato: 09:38
Temi caldi

Emilia R.: elezioni, a Modena voto a domicilio o assistito per disabili

29 aprile 2014 | 17.31
LETTURA: 3 minuti

Modena, 29 apr. (Adnkronos Salute) - In occasione delle elezioni europee e amministrative di domenica 25 maggio, gli elettori affetti da gravi deficit visivi, le persone amputate delle mani o affette da paralisi o altro impedimento di analoga gravità, come previsto dalla legge, potranno esercitare il diritto elettorale scegliendo un accompagnatore che li affianchi nella cabina elettorale. Inoltre le persone che, per gravi malattie, dipendono da apparecchi elettromedicali o con infermità tali da rendere impossibile l'allontanamento dalla propria abitazione, possono presentare entro il 5 maggio richiesta per effettuare il voto a domicilio.

Le persone interessate a essere accompagnate in cabina elettorale da una persona di fiducia - informa l'Ausl di Modena in una nota - possono ottenere gratuitamente il certificato medico necessario presso tutti gli ambulatori certificazioni di medicina legale e gestione del rischio dell'azienda. Questo riconoscimento, che in precedenza doveva essere richiesto solo nei 3 giorni prima delle elezioni, è valido per tutta la durata della tessera elettorale e, pertanto, può essere rilasciato in qualunque momento, anche nel corso della visita medica per l'accertamento della disabilità. Presentando il certificato medico agli uffici elettorali dei Comuni, è possibile ottenere l'annotazione permanente sulla tessera elettorale (attraverso l'apposizione di un simbolo o di un codice) del diritto al voto assistito.

Inoltre, ai sensi della legge 7 maggio 2009 n. 46, oltre agli elettori con gravi infermità che si trovino in condizioni di dipendenza continuativa e vitale da apparecchiature elettromedicali, tali da impedirne l'allontanamento dall'abitazione in cui dimorano, sono ammessi al voto a domicilio anche gli elettori affetti da gravissime infermità, tali che l'allontanamento dall'abitazione in cui dimorano risulti impossibile anche con l'ausilio dei servizi previsti dalla normativa vigente. Pertanto - conclude l'Ausl - l'elettore deve far pervenire al sindaco del comune nelle cui liste elettorali è iscritto una dichiarazione nella quale attesta la volontà di esprimere il voto presso l’abitazione in cui dimora. La dichiarazione deve essere presentata in un periodo compreso tra il 40° e il 20° giorno antecedente la data di votazione e cioè entro lunedì 5 maggio.

Riproduzione riservata
© Copyright Adnkronos
Tag
Vedi anche
ora in
Prima pagina
articoli
in Evidenza