cerca CERCA
Giovedì 19 Maggio 2022
Aggiornato: 18:15
Temi caldi

Energia, Unc: "Governo intervenga per ridurre costo bollette"

15 gennaio 2022 | 16.51
LETTURA: 1 minuti

"Da 6 mesi a questa parte il mercato energetico è impazzito", spiega Marco Vignola il responsabile del settore energia dell'Unione Nazionale Consumatori

alternate text
(Fotogramma)

"Da 6 mesi a questa parte il mercato energetico è impazzito, raggiungendo dei picchi storici, caratterizzati soprattutto da un vertiginoso aumento dei prezzi all'ingrosso. Di fatto, il gas è aumentato del 500 per cento; il Pun (prezzo unico nazionale) è passato dai 30 euro Mwh di aprile 2020 ai 250 di dicembre 2021. Tutto questo, purtroppo, si è scaricato direttamente sulle bollette dei consumatori". Lo dice all'Adnkronos Marco Vignola, il responsabile del settore energia dell’Unione Nazionale Consumatori.

"Il governo - prosegue - è intervenuto per cercare di calmierare le bollette ma, nonostante abbiano speso quasi 9 miliardi, sono comunque aumentate e riguardano in modo particolare il gas di questo trimestre in cui si concentrano - rimarca a più riprese Vignola - il 50% dei consumi. E' necessario, - afferma l'esponente Unc - per non far saltare i bilanci delle famiglie e delle imprese, migliorare questi interventi, rendendoli strutturali. A questo proposito chiediamo in primo luogo di togliere tutti gli oneri che vengono pagati dalla bolletta, lasciando solo quella che è la componente energia e i costi di distribuzione e in secondo luogo di rivedere le strutture di varie accise, arrivate al 40% per un utente domestico".

Inoltre, conclude Vignola, "bisogna verificare se ci sono delle aziende che hanno generato degli extraprofitti. Come lo stesso presidente del Consiglio Mario Draghi ha detto, sarebbe il caso che queste aziende partecipassero, mettendo a disposizione parte di questi extraprofitti per calmierare le bollette".

Riproduzione riservata
© Copyright Adnkronos
Tag
Vedi anche
ora in
Prima pagina
articoli
in Evidenza