cerca CERCA
Domenica 29 Gennaio 2023
Aggiornato: 13:12
Temi caldi

Energia, von der Leyen: "L'Italia tra Paesi più colpiti da ricatto Russia"

07 dicembre 2022 | 13.15
LETTURA: 2 minuti

"Pnrr e Italia sono giusto binomio, 67 mld già consegnati: impatto molto visibile"

alternate text
(Foto Afp)

"L'Italia è uno dei Paesi più colpiti dal ricatto russo sul gas". Così la presidente della Commissione europea, Ursula von der Leyen, intervenendo alla cerimonia di passaggio del testimone da Mario Monti ad Andrea Sironi per la presidenza dell’ateneo, in corso a Milano.

"Putin - ha ricordato von der Leyen- ha tagliato dell'80% le esportazioni di gas da gasdotto verso l'Europa, in 8 mesi, ma noi siamo riusciti a compensare. E l'Italia ne è un esempio perfetto: prima importava il 40% del gas dalla Russia, ora la quota è scesa a circa il 10%, grazie a un impressionante sforzo di diversificazione delle forniture".

"Abbiamo proposto un meccanismo di correzione del mercato, il cosiddetto price cap, che l'Italia aveva richiesto fin dall'inizio". Il price cap "impedirà aumenti eccessivi dei prezzi, ridurrà le manipolazioni e le speculazioni" e "gli Stati membri stanno ora discutendo su come renderlo adatto a tutta l'Europa", ha sottolineato.

"Abbiamo lavorato a una serie di misure per ridurre i prezzi. Abbiamo creato un contributo di solidarietà sugli extra-profitti delle aziende energetiche che genererà circa 4 miliardi di entrate qui in Italia già nel 2023", ha affermato la presidente della Commissione europea. Si tratta, ha sottolineato, di "soldi che serviranno per sostenere le famiglie e le imprese più vulnerabili".

Questo è il momento di "concentrarci su ciò che verrà dopo l'inverno: c'è ancora un vuoto da colmare, ma la notizia rassicurante è che abbiamo il potenziale ed è l'energia rinnovabile", ha detto ancora. "Quest'anno - ha spiegato von der Leyen - abbiamo registrato la più grande crescita di energie rinnovabili nella storia dell'Unione europea, 50 gigawatt, il doppio di quello che abbiamo aggiunto l'anno scorso. E potremmo accelerare ancora di più. L'Agenzia Internazionale dell'Energia ci dice che potremmo sostituire altri 14 miliardi di metri cubi di gas russo già l'anno prossimo se accelerassimo i progetti sulle rinnovabili, bloccati a causa della lentezza delle autorizzazioni". Per questo "abbiamo appena approvato un nuovo regolamento d'emergenza per sbloccare immediatamente i progetti di energia rinnovabile".

Pnnr

"Quasi 67 miliardi di euro sono già stati consegnati all'Italia. E il loro impatto comincia a essere molto visibile", ha detto Von der Leyen sul Pnrr che è "il giusto mix di investimenti e riforme sta facendo progredire l'Europa". "NextGeneration Eu e l'Italia sono un binomio perfetto", ha aggiunto.

"Le riforme sono il motore dell'economia italiana. Possono davvero dare una spinta alla ripresa", ha affermato.

E ancora: "Il futuro dei nostri figli ha bisogno che si investa nella sostenibilità e che si investa in modo sostenibile. Ecco perché vogliamo dare ai governi nazionali una maggiore flessibilità nel percorso di riduzione del debito, per aprire lo spazio agli investimenti strategici". "Gli obiettivi di Maastricht - ha puntualizzato - non cambiano. Ciò che cambia è il modo in cui ci arriviamo".

Riproduzione riservata
© Copyright Adnkronos
Tag
Vedi anche
ora in
Prima pagina
articoli
in Evidenza