cerca CERCA
Lunedì 25 Ottobre 2021
Aggiornato: 09:04
Temi caldi

Medicina: paralizzato da anni ricomincia a muoversi grazie a scosse midollo

08 gennaio 2015 | 10.15
LETTURA: 2 minuti

Merito di una tecnologia innovativa, che con piccole scosse 'insegna' al midolo a controllare i muscoli

alternate text

Calven Goza, 26enne americano, è rimasto paralizzato alle gambe due anni e mezzo fa. Ora potrebbe tornare a muovere gli arti grazie a un trattamento pionieristico che utilizza le scariche elettriche per stimolare il midollo spinale danneggiato, consentendo così ai pazienti di muoversi di nuovo. Goza - riporta la 'Cnn' online - è l'ultimo di 4 persone vittime di incidenti stradali, arruolate per l'esperimento dello Spinal Cord Injury Research di Louisville (Usa), dell'Università di Los Angeles (Usa) e del Pavlov Institute of Physiology (Russia). Dopo il trattamento Claven Goza è riuscito a muovere un dito del piede e il ginocchio.

I pazienti coinvolti nella ricerca internazionale, oltre a recuperare leggermente il movimento volontario di alcuni arti, hanno visto anche migliorare alcuni parametri come la pressione sanguigna, la massa muscolare e la stanchezza. I primi risultati dello studio sono già stati pubblicati sulla rivista 'Brain', ora gli scienziati - guidati da Claudia Angeli, dello Spinal Cord Injury Research di Louisville - si aspettano che la stimolazione elettrica del midollo osseo possa consentire a tutti e quattro i partecipanti di stare in piedi per periodi più lunghi, mantenere l'equilibrio e tornare anche a lavoro.

Nella schiena di Calven Goza è stato impiantato un piccolo dispositivo che contiene 16 elettrodi: quando il paziente o i medici lo attivano con un telecomando, viene innescato il movimento ai muscoli delle gambe. Il metodo, sviluppato in oltre 30 anni di ricerche, potrebbe offrire una speranza alle migliaia di persone rimaste paralizzate dopo una lesione spinale. Secondo gli scienziati, la stimolazione elettrica 'imita' i segnali del cervello e 'insegna' al midollo spinale a controllare di nuovo gli arti indipendentemente dal cervello, bypassando così la lesione.

Riproduzione riservata
© Copyright Adnkronos
Tag
Vedi anche
ora in
Prima pagina
articoli
in Evidenza