cerca CERCA
Domenica 05 Dicembre 2021
Aggiornato: 10:11
Temi caldi

Festival

Sanremo: Ramazzotti, è una delle poche cose che unisce ancora l'Italia

10 febbraio 2016 | 18.16
LETTURA: 2 minuti

alternate text
Eros Ramazzotti (foto Fotogramma)

"Il festival di Sanremo è una delle poche cose che unisce ancora l'Italia e ci vorrebbero anche altre cose che uniscano il nostro Paese. L’Italia è un paese forte e lo dimostrerà". Lo ha detto Eros Ramazzotti intervistato da Radio Italia, alla vigilia della sua performance di stasera sul palco dell'Ariston.

"Sono molto emozionato perché sono passati tanti anni – ha dichiarato- Devo molto al Festival di Sanremo che è un trampolino di lancio che ha permesso a molti artisti di avere successo come Laura Pausini, Zucchero, Andrea Bocelli". Oggi "ci sono anche i talent, ma negli anni ‘80 quando vi ho partecipato, era l’unico evento musicale a cui ambivamo -ha aggiunto Eros- Sono stato invitato qui a Sanremo perché 30 anni fa ho vinto con ‘Adesso tu’ e salire nuovamente su quel palco, anche per le prove, è sempre emozionante".

'Non esiste un metodo per gestire il successo, bisogna restare umili'

Per il cantautore romano, partito proprio da Sanremo con 'Terra promessa' nel 1984 "non esiste un metodo per gestire il successo, bisogna rimanere umili, non farsi prendere dall'euforia e lavorare tutti i giorni per dimostrare sempre di più a se stessi e agli altri".

Domenica 14 febbraio da Barcellona debutterà la seconda parte del suo tour mondiale, "e proprio la squadra di calcio della città -rivela Ramazzotti- mi ha invitato a partecipare all’allenamento a cui andrò. Il tour passerà da Vina del Mar, ad Acireale ricomincerà la seconda trance italiana e ad aprile sarò il prima artista italiano ad esibirsi in diverse città della Russia. Questo tour, oltre ad essere una sfida personale, mi permette di portare, oltre ai miei successi, anche l'album 'Perfetto' in tutto il mondo".

Riproduzione riservata
© Copyright Adnkronos
Tag
Vedi anche
ora in
Prima pagina
articoli
in Evidenza