cerca CERCA
Domenica 19 Settembre 2021
Aggiornato: 12:36
Temi caldi

Eruzione Whakaari, non rilevata presenza italiani

10 dicembre 2019 | 11.44
LETTURA: 2 minuti

Fonti diplomatiche all'Adnkronos: Unità di Crisi e ambasciata a Wellington in costante contatto con le autorità neozelandesi

alternate text
(AFP)

Non sono risultati connazionali coinvolti nella tragedia del vulcano eruttato sulla White Island neozelandese mentre erano in corso escursioni turistiche sul posto. A renderlo noto sono fonti diplomatiche: appena si è verificata l'eruzione, si sono attivati Unità di Crisi e ambasciata a Wellington e si sono tenuti costanti contatti con le autorità di polizia neozelandese per fare tutte le verifiche del caso, rendono noto all'Adnkronos. Finora, si precisa, al termine di verifiche proseguite per l'intera giornata, non è stata rilevata la presenza di connazionali coinvolti nel disastro.

Intanto la polizia della Nuova Zelanda ha annunciato l'apertura di una inchiesta sull'eruzione che ha sorpreso un gruppo di circa 40 persone, causando cinque morti - tra cui una guida turistica neozelandese - e 31 feriti gravi. I superstiti sono stati curati per le ustioni ricevute, mentre la polizia sta continuando a cercare le otto persone che risultano ancora disperse e che si ritiene siano morte. Tra i feriti ci sono due cittadini cinesi, due inglesi, quattro tedeschi, 24 australiani, cinque neozelandesi, un malese e nove americani.

"Tragedia dalla portata devastante". Così la premier neozelandese, Jacinda Ardern, ha commentato in parlamento la vicenda. "Sappiamo anche che si porranno domande importanti in relazione a questo evento". "Domande che devono essere poste e che devono trovare risposta".

Riproduzione riservata
© Copyright Adnkronos
Tag
Vedi anche
ora in
Prima pagina
articoli
in Evidenza