cerca CERCA
Lunedì 17 Maggio 2021
Aggiornato: 22:09
Temi caldi

Escherichia coli, ecco cos'è e come si prende

28 dicembre 2016 | 13.45
LETTURA: 2 minuti

alternate text
(Fotogramma)

L'Escherichia coli è la specie di batterio più nota del genere Escherichia. Costituisce parte integrante della normale flora intestinale dell'uomo e di altri animali e, nonostante la maggior parte dei ceppi di Escherichia coli siano innocui, si legge sul sito dell'Humanitas, "ne esistono tuttavia alcuni che mettono a rischio la salute umana, causando disturbi di diversa gravità con crampi addominali, vomito e diarrea con sangue".

L'infezione da Escherichia coli, spiegano dall'ospedale dell'hinterland milanese, che "può provenire da acqua o cibo contaminati - soprattutto da alimenti come frutta e verdura, che vengono spesso consumati crudi, ma anche da latte non pastorizzato e carne non cotta - può risultare molto pericolosa soprattutto per i bambini piccoli e gli anziani, che possono sviluppare una forma di insufficienza renale pericolosa per la vita chiamata sindrome emolitico uremica". Fortunatamente, però, "l'Escherichia coli è sensibile al calore: la cottura dei cibi permette quindi di neutralizzarlo". Nessun farmaco, spiegano dall'Humanitas, è in grado di proteggere dall'infezione da Escherichia coli.

I principali sintomi dell'infezione:

- diarrea anche con sangue

- crampi addominali

- nausea

- vomito

L'ospedale Humanitas indica anche i comportamenti da adottare per non incorrere nell'infezione:

- evitare cibi 'a rischio' come carne non cotta a sufficienza e latte non pastorizzato

- lavare accuratamente gli alimenti crudi

- pulire gli utensili da cucina con acqua calda e sapone prima e dopo il contatto con prodotti e carne cruda

- utilizzare contenitori separati per ogni alimento

- lavarsi bene le mani prima di cucinare, dopo essere stati in bagno, dopo aver cambiato pannolini e dopo aver toccato animali

Riproduzione riservata
© Copyright Adnkronos
Tag
Vedi anche
ora in
Prima pagina
articoli
in Evidenza