cerca CERCA
Lunedì 24 Gennaio 2022
Aggiornato: 22:07
Temi caldi

Esercito, inaugurati impianti fotovoltaici a Serre Persano

09 aprile 2014 | 17.08
LETTURA: 3 minuti

Si è svolta oggi l'inaugurazione degli impianti fotovoltaici di Borgo San Lazzaro e Spineto, realizzati da Enel Green Power a Serre Persano (Salerno) su un lotto di terreno all'interno del comprensorio dell'Esercito grazie ad un accordo, a seguito di gara pubblica, con Difesa Servizi S.p.A., la società ''in house'' del Ministero Difesa. Erano presenti il Sottosegretario alla Difesa Gioacchino Alfano, il Capo di Stato Maggiore dell'Esercito, Generale di Corpo d'Armata Claudio Graziano, il Presidente di Difesa Servizi S.p.A. Generale di Corpo d'Armata Armando Novelli e l'Amministratore Delegato Lino Girometta, il Responsabile area Europa di Enel Green Power Roberto Deambrogio e il sindaco di Serre Franco Mennella.

Complessivamente i due impianti, in esercizio da luglio 2013, si estendono per quasi 74 ettari e hanno una capacità installata di 22 MW, in grado di produrre a regime fino a circa 30 milioni di KWh annui, pari al fabbisogno di circa 12mila famiglie.

''Gli impianti fotovoltaici di Borgo San Lazzaro e Spineto incrementano la nostra produzione di energia da fonti rinnovabili sul territorio - spiega Roberto Deambrogio, Responsabile area Europa di Enel Green Power. - Proprio qui a Serre Persano, infatti, è stato realizzato il primo impianto fotovoltaico Enel, a lungo il più grande d'Europa, che oggi è ancora in servizio, ampliato e rinnovato''.

''Siamo orgogliosi di poter dare un notevole contributo al perseguimento degli obiettivi europei assegnati all'Italia nello specifico settore'' ha dichiarato il Generale Armando Novelli, Presidente di Difesa Servizi S.p.A., sottolineando che l'opera ''consentirà alla Difesa di beneficiare anche del canone di locazione per 20 anni''.

''Grazie all'operato di Difesa Servizi spa - ha fatto eco l'A.d. Lino Girometta - la Difesa è sempre più aperta al mercato delle innovazioni e dello sfruttamento delle energie alternative consentendo anche ingenti ritorni economici per il soddisfacimento di diverse esigenze delle Forze Armate''.

Difesa Servizi, ''dopo aver appena approvato il progetto di bilancio per l'esercizio 2013 con un fatturato di circa 11 milioni di Euro, raddoppiato rispetto al 2012 - è impegnata, tra l'altro, in una gara per individuare il licenziatario del marchio Marina Militare, nella commercializzazione di un brevetto dell'Arma dei Carabinieri finalizzato alla sicurezza di bancomat e carte di credito nonché nella valorizzazione del Museo della Marina Militare di Venezia restituendolo, mediante un'attività redditiva, alla città''.

Riproduzione riservata
© Copyright Adnkronos
Tag
Vedi anche
ora in
Prima pagina
articoli
in Evidenza