cerca CERCA
Giovedì 09 Febbraio 2023
Aggiornato: 13:04
Temi caldi

Esperto cyber Razzante: "Occhio a controinformazione russa, rischio fake news"

07 marzo 2022 | 15.36
LETTURA: 1 minuti

alternate text

"Per fronteggiare una cyberwar servono nervi ancora più saldi e specialità di livello assai elevato, noi siamo pronti. Mosca ha capito, e allora usa la controinformazione come disinformazione, annunciando anche la disconnessione internet, il che è un indice di manifesta difficoltà nei confronti del mondo intero". Lo sottolinea all'Adnkronos il professor Ranieri Razzante, Consigliere per la Cyber Security del sottosegretario alla Difesa.

"Il grosso problema che abbiamo ora sono le fake news, e il rischio che ingenerino buchi informativi nelle intelligence dei Paesi alleati", aggiunge Razzante, noto esperto di criminalità organizzata e terrorismo. "Dobbiamo decidere se seguire la politica degli annunci oppure, come ritengo preferibile, lasciar lavorare i nostri servizi segreti e quelli degli alleati, non solo per l'auspicabile attività di mediazione, ma in chiave assolutamente preventiva e possibilmente sottotraccia. Chi vuole giocare sulla disinformazione parte ovviamente dall'informazione data dall'avversario, quindi bisogna pubblicizzare il meno possibile le misure contro il governo Russo ed essere assai chirurgici ed efficaci nella loro attuazione. Lasciamo solo alla diplomazia la gestione pubblica della crisi, tutti gli altri si muovano invece in quel mondo giustamente riservato a pochi, che altrimenti lasciamo troppo scoperto agli hacker, che in Russia -avverte Razzante- sono ben addestrati".

Riproduzione riservata
© Copyright Adnkronos
Tag
Vedi anche
ora in
Prima pagina
articoli
in Evidenza