cerca CERCA
Giovedì 26 Maggio 2022
Aggiornato: 17:25
Temi caldi

Libri

Europei lettori sotto l'ombrellone, in Italia tutti pazzi per Camilleri

03 agosto 2015 | 15.04
LETTURA: 4 minuti

alternate text
(foto Infophoto) - INFOPHOTO

Sole, mare, spiaggia e un buon libro a farci compagnia. Decisa la meta della vacanze e fatti i bagagli, ai vacanzieri di tutta Europa non rimane che decidere come impiegare al meglio il tempo dedicato al relax. E proprio la lettura sembra essere il passatempo preferito degli abitanti del vecchio continente alle prese con le meritate ferie. A tracciare l'identikit del lettore da ombrellone europeo ci ha pensato Opodo, agenzia di viaggi online che ha intervistato oltre 3000 viaggiatori fra italiani, francesi, tedeschi e inglesi per scoprire quali sono le loro abitudini.

Dati alla mano, l'87% degli italiani in vacanza impiega il proprio tempo libero leggendo. Sono principalmente donne (67%) con un'età media che va oltre i 46 anni. Mediamente leggono 1 o 2 libri (66%), e preferiscono leggere su carta (82%) mentre i supporti tecnologici vengono usati principalmente per informarsi, sfogliando quotidiani (25%) e blog (15%). Per l'acquisto dei libri si affidano alle grandi catene (48%) o alle piccole librerie (22%), mentre solo l’8% compra i libri da negozi online.

Il budget per comprare i libri per le vacanze è tra i 10 e i 30 euro per la maggioranza degli italiani (51%), ma il 25% è disposto a spendere anche un po' di più (tra i 30 e i 50 euro) per passare al meglio le ore di svago sotto l'ombrellone. Per quanto riguarda l'ispirazione per la scelta del libro da leggere, il 50% lo seleziona dopo essersi informato online, mentre il 24% si fa consigliare da amici e familiari.

In vacanza gli italiani leggono soprattutto per evadere dalla realtà e rifugiarsi in mondi onirici (42%) o per rilassarsi e svagarsi (41%). E al primo posto in classifica fra gli autori preferiti dagli italiani in vacanza c'è Andrea Camilleri con 'La giostra degli scambi' (28 %). In seconda posizione troviamo 'La Piuma' di Giorgio Faletti (17%) e a seguire 'Dov’è finita Audrey' di Sophie Kinsella (10%), 'Dimmi che credi nel destino' di Luca Bianchini (6%) e 'Il segreto degli angeli' di Camilla Läckberg (1%).

Ma perché si legge? Il 43% dei viaggiatori europei lo fa per rilassarsi e staccare la spina, il 35% per distrarsi ed evadere dalla realtà, mentre il 12% per informarsi su una destinazione. Gli europei prediligono leggere in spiaggia (46%) o in hotel (30%), mentre il 16% preferisce occupare il tempo di viaggio in treno o in aereo leggendo. In particolare, tedeschi e inglesi sono le popolazioni che leggono di più in vacanza (96%), mentre gli italiani quelli che leggono di meno (87%). La media europea comunque si attesta a 1 a 2 libri letti in vacanza per tutte le popolazioni.

In controtendenza con le scelte degli italiani, gli europei preferiscono comprare i libri direttamente online (28%) o, in alternativa, in piccole librerie locali (27%). Solo il 16% si affida alle grandi catene di distribuzione. Ben il 75% dei viaggiatori europei coinvolti continua comunque a preferire il libro cartaceo, mentre su tablet e altri dispositivi tecnologici si leggono soprattutto quotidiani (17%) e blog (13%).

Riproduzione riservata
© Copyright Adnkronos
Tag
Vedi anche
ora in
Prima pagina
articoli
in Evidenza