cerca CERCA
Venerdì 27 Maggio 2022
Aggiornato: 18:31
Temi caldi

Eutanasia: Belgio al voto su 'dolce morte' bimbi malati terminali

13 febbraio 2014 | 18.44
LETTURA: 2 minuti

alternate text

Bruxelles, 13 feb. (Adnkronos Salute/Dpa) - Belgio oggi al voto sulla controversa proposta per estendere ai minori malati terminali la legge che legalizza l'eutanasia. Se la proposta, già approvata al Senato, otterrà il via libera definitivo dalla Camera bassa come è previsto, il Belgio, dopo la ratifica da parte del Re Filippo, considerata una formalità, diventerà il primo Paese al mondo a non avere limiti di età per la 'dolce morte'.

La legge estende il diritto all'eutanasia a tutte le persone che soffrono di malattie terminali e che devono affrontare "una sofferenza fisica costante e non sopportabile, che non può essere alleviata e che viene prodotta da una mallati grave ed incurabile". Il testo prevede che uno psicologo stabilisca se il minore abbia preso in libertà la decisione, per la quale comunque è necessaria l'autorizzazione dei genitori. La legge ha il sostegno dei socialisti, dei liberali, dei verdi, insieme ai nazionalisti fiamminghi, con l'opposizione dei cristiano democratici.

Il Belgio, che ha legalizzato l'eutanasia per gli adulti nel 2002, Lussemburgo e Olanda sono gli unici dell'Unione europea che hanno legalizzato la 'dolce morte'. L'Olanda ha varato una misura che la rende possibile a partire dai 12 anni.

Il dibattito sulla legge è stato acceso, con i leader delle comunità cristiane, musulmane ed ebree del Belgio che hanno espresso "grande preoccupazione sul rischio" di rendere l'eutanasia "una routine".

"Stabiliamo che gli adolescenti non siano in grado dal punto di vista legale di prendere importanti decisioni economiche e affettive, e poi li riteniamo in gradi di decidere se devono morire", ha dichiarato l'arcivescovo Andre-Joseph Leonard. Christian Brotcorne, capo del gruppo centrista francofono in Parlamento, ha chiesto polemicamente "che cosa succederebbe se i genitori fossero in disaccordo tra di loro, o se uno psichiatra dovesse credere che il bambino non è in grado di capire la situazione?".

I sostenitori della legge ritengono che questa permetterebbe di liberare bambini malati di terminali da sofferenze senza fine, rispettando il loro diritto ad una morte dignitosa. L'assemblea parlamentare del Consiglio d'Europa però ha affermato che la proposta di legge viola "la base della società civile", ricordando che i bambini non sono in condizione di dare "un consenso informato adeguato".

Riproduzione riservata
© Copyright Adnkronos
Tag
Vedi anche
ora in
Prima pagina
articoli
in Evidenza