cerca CERCA
Martedì 19 Ottobre 2021
Aggiornato: 04:50
Temi caldi

Eutanasia, Cei: "Non esiste un diritto a morire"

16 dicembre 2020 | 14.33
LETTURA: 1 minuti

"Sarebbe come postulare un dovere di uccidere"

alternate text
Fotogramma /Ipa

"Non esiste un diritto a morire, sarebbe come postulare un dovere di uccidere". Lo ha ribadito don Massimo Angelelli, direttore Ufficio nazionale per la pastorale della salute della Cei, presentando  in conferenza stampa online il documento ‘Alla sera della vita. Riflessioni sulla fase terminale della vita terrena’,  elaborato dallo stesso Ufficio e condiviso nella  Commissione episcopale per il servizio della carità e la salute. 

"Abbiamo chiarito che cos’è la vita, perché non è disponibile e dunque perché non esiste un diritto a morire -  ha osservato l’esponente della Cei-. Non è pensabile un diritto a morire perché se costruiamo un diritto a morire dobbiamo costruire un dovere di qualcuno a porre fine alla vita. Per postulare un diritto a morire dovremmo postulare un dovere di uccidere e questo dal punto di vista umano, civile e cristiano è totalmente inaccettabile".

Riproduzione riservata
© Copyright Adnkronos
Tag
Vedi anche
ora in
Prima pagina
articoli
in Evidenza