cerca CERCA
Lunedì 18 Gennaio 2021
Aggiornato: 01:49

Eutanasia, Gandolfini: "Contrasteremo legge in Parlamento"

25 settembre 2019 | 20.54
LETTURA: 2 minuti

alternate text
(Fotogramma) - FOTOGRAMMA
Roma, 25 set. (AdnKronos)

"Di fatto è una legittimazione del suicidio assistito, è una sentenza che ci fa molto dispiacere, ci amareggia". E' quanto afferma all'Adnkronos Massimo Gandolfini, leader del Family Day, commentando la sentenza della Consulta.

"Troviamo che non sia un grande passo di civiltà per il nostro Paese - continua - il suicidio è sempre stato considerato come un atto tragico e drammatico, che le persone hanno il compito di cercare di evitare sostenendo la persona che disperatamente cerca di uccidersi. Il fatto che venga tutelato come fosse un diritto e la persona che aiuta al suicidio venga protetta dalla legge è un nonsenso antropologico, civile e sociale", conclude.

"Faremo ogni contrasto possibile e immaginabile, a livello di partiti, di parlamento e società civile, affinché non si componga una legge. Faremo tutto il possibile perché non si arrivi a una legge che consenta l'eutanasia attiva - incalza Gandolfini -. Dobbiamo coordinarci, fra tutte le associazioni cattoliche che si sono ritrovate l'11 settembre con la Cei, per studiare la strategia migliore dal punto di vista politico, legislativo ma anche culturale. Credo che la battaglia culturale contro le derive contro la vita sia fondamentale".

Riproduzione riservata
© Copyright Adnkronos
L´ informazione continua con la newsletter

Vuoi restare informato? Iscriviti a e-news, la newsletter di Adnkronos inviata ogni giorno, dal lunedì al venerdì, con le più importanti notizie della giornata

Tag
Vedi anche
ora in
Prima pagina
articoli
in Evidenza