cerca CERCA
Mercoledì 25 Maggio 2022
Aggiornato: 22:13
Temi caldi

Ex Embraco, Cirio: "Senza risposta governo entro 48 ore andremo a Roma"

28 luglio 2020 | 19.44
LETTURA: 1 minuti

"Insieme a loro nei prossimi giorni sarò a Roma perché i lavoratori, la Regione, tutti ci sentiamo traditi, questo piano che il Governo aveva autorizzato per salvare Embraco è fallito, non è mai partito"

alternate text
Fotogramma

"Entro 48 ore attendiamo una risposta dal governo o ci autoconvocheremo a Roma". Così il presidente del Piemonte Alberto Cirio che oggi con l'assessore regionale al Lavoro, Elena Chiorino, ha ricevuto una delegazione di lavoratori della ex Embraco di Riva di Chieri insieme ai rappresentanti sindacali di Fim, Fiom, Uilm e Uglm. Presenti anche i sindaci del territorio e il curatore fallimentare. Durante l'incontro i lavoratori hanno manifestato sotto il palazzo dellaRegione, in piazza Castello a Torino.

"Insieme a loro nei prossimi giorni sarò a Roma perché i lavoratori, la Regione, tutti ci sentiamo traditi - ha aggiunto Cirio - questo piano che il Governo aveva autorizzato per salvare Embraco è fallito, non è mai partito e se non saremo convocati entro le prossime 48 ore, se ancora una volta il governo rimarrà in silenzio di fronte a questa gravissima emergenza, ci autoconvocheremo. Ci sarò anch'io in piazza, non fa parte delle mie abitudini scioperare ma l'ho già fatto una volta per i lavoratori dell'Embraco e lo rifaccio perché un presidente di Regione deve essere vicino soprattutto a chi in questo momento è più debole"

"La riunione che abbia amo fatto qui - ha concluso Cirio - la faremo a Roma tutti quanti presenti per ribadire che con la vita delle persone non si scherza".

Riproduzione riservata
© Copyright Adnkronos
Tag
Vedi anche
ora in
Prima pagina
articoli
in Evidenza