cerca CERCA
Sabato 31 Luglio 2021
Aggiornato: 00:19
Temi caldi

Ex manager campagna Trump minaccia il suicidio, ricoverato

28 settembre 2020 | 10.46
LETTURA: 1 minuti

Brad Parscale era stato licenziato a luglio, dopo il flop del comizio di Tulsa

alternate text
(Afp)

Brad Parscale, ex manager della campagna presidenziale di Donald Trump, è stato ricoverato in ospedale dopo aver minacciato il suicidio. A riferire la notizia sono stati la polizia della Florida e i responsabili della campagna. Secondo quanto riportano i media Usa, gli agenti sono stati chiamati nella tarda serata di domenica nell'abitazione di Seven Isles, a Fort Lauderdale, nella quale vivono Parscale e la moglie Candice.

A chiamare la polizia è stata la donna, che ha avvertito gli agenti che il marito si era barricato in casa, aveva a disposizione numerose armi da fuoco e minacciava di farsi del male. Gli agenti, ha riferito la polizia in un comunicato, sono riusciti a convincere l'uomo ad uscire dall'abitazione e a consegnarsi. In base ad una legge della Florida, la polizia ha l'autorità di fermare per 72 ore gli individui che costituiscono una potenziale minaccia per se stessi o gli altri e sottoporli a trattamento psichiatrico.

Parscale era stato rimosso dal ruolo di manager della campagna presidenziale di Trump a luglio, dopo che ad un comizio a Tulsa, annunciato come un grande evento, c'era stata una scarsa partecipazione di pubblico. Il direttore della comunicazione della campagna, Tim Murtaugh, domenica notte ha diffuso un comunicato nel quale ha offerto sostegno a Parscale, definito "un membro della nostra famiglia".

Riproduzione riservata
© Copyright Adnkronos
Tag
Vedi anche
ora in
Prima pagina
articoli
in Evidenza