cerca CERCA
Martedì 04 Ottobre 2022
Aggiornato: 00:06
Temi caldi

Expo: Laura Marzadori suonerà questa sera il violino di Paganini

14 settembre 2015 | 19.29
LETTURA: 2 minuti

alternate text
(Foto Wikipedia)

Il violino di Paganini protagonista a Expo 2015. Questa sera, nell’ambito della settimana dedicata alla Liguria, Laura Marzadori, violinista di fama europea e primo violino alla Scala di Milano, suonerà il violino (detto il 'Cannone') appartenuto a Paganini e realizzato da Bartolomeo Giuseppe Guarneri detto del Gesù.

Il concerto comincerà alle 20, all’auditorium di Palazzo Italia. Il 'Cannone' ha un'importanza storica straordinaria. Paganini probabilmente lo ricevette in dono nel 1802 a Livorno e lo predilesse tra tutti i violini che possedeva. È uno strumento unico, perché le sue parti principali sono giunte intatte fino a noi. La vernice è ancora quella originale e, nella parte terminale della tavola armonica, è visibile il segno dell’uso da parte di Paganini che, come tutti i suoi contemporanei, suonava senza usare la mentoniera, poggiando il mento direttamente sullo strumento.

Il 'Cannone' divenne un eccezionale partner per i virtuosismi di Paganini che, grazie anche alla straordinaria estensione delle dita della mano sinistra, sviluppò nuove tecniche violinistiche sfruttando al massimo le potenzialità dello strumento. L’ultima 'esibizione' in trasferta del violino è stata infatti una decina d’anni fa, nel 2006 in Scozia, al City Hall di Glasgow.

Lo strumento, che il musicista lasciò in eredità a Genova e che è conservato nella Sala Paganiniana di Palazzo Tursi come parte del percorso espositivo dei Musei di Strada Nuova di Genova, è uno dei più grandi capolavori della liuteria cremonese e per ragioni di conservazione non viene suonato frequentemente. Sul suo stato di salute vigila una commissione di esperti, tra cui Bruce A. Carlson, liutaio conservatore.

Niccolò Paganini, secondo una precisa disposizione testamentaria, lasciò il 'Cannone' alla sua città natale, Genova, “onde sia perpetuamente conservato”.

A introdurre l’esclusivo concerto sarà Maurizio Roi, sovrintendente del teatro Carlo Felice di Genova, che assieme a Raffaele Mellace professore di storia della musica all’Università degli studi di Genova, Virginia Villa direttore del museo di Cremona e Bruce A.Carlson liutaio conservatore, accompagneranno la serata con la storia del poliedrico musicista e del suo violino.

Riproduzione riservata
© Copyright Adnkronos
Tag
Vedi anche
ora in
Prima pagina
articoli
in Evidenza