cerca CERCA
Lunedì 30 Gennaio 2023
Aggiornato: 01:01
Temi caldi

La famiglia Schumacher scioccata per il suicidio del sospettato del furto delle cartelle cliniche

07 agosto 2014 | 21.17
LETTURA: 2 minuti

Sabine Kehm, portavoce del sette volte campione del Mondo: "Siamo sbalorditi e scioccati". Il corpo senza vita dell'uomo è stato ritrovato nella prigione di Zurigo. Poco più di un mese fa documenti medici relativi all'ex pilota erano stati offerti a diverse testate europee per 50.000 euro

alternate text
Michael Schumacher (Infophoto) - INFOPHOTO

La famiglia Schumacher è scioccata per il suicidio del sospetto ladro delle cartelle cliniche di Michael Schumacher. "Siamo sbalorditi e scioccati", ha detto Sabine Kehm, portavoce del sette volte campione del Mondo, a Bild. La famiglia di Schumi aveva presentato denuncia per il furto delle cartelle cliniche l'8 luglio scorso, ma non era stata informata fino a mezzogiorno di mercoledì dell'arresto di un sospetto.

"Non abbiamo parole per quanto accaduto", ha ribadito la portavoce dell'ex pilota tedesco. Le cartelle cliniche di Schumacher erano state offerte a numerosi media al prezzo di 50mila euro. Il capo di Rega, il soccorso aereo che si era occupato del trasferimento di Schumi, Ernst Kohler ha espresso la sua tristezza per la morte del suo dipendente, che non è stato nominato.

"Siamo profondamente preoccupati di sapere che un impiegato della Rega, arrestato con l'accusa di violazione del segreto professionale, si sia suicidato nella sua cella. Questo tragico evento ci lascia tristi e senza parole. I nostri pensieri e le nostre più sincere condoglianze vanno alla famiglia del defunto". Mentre l'ufficio del procuratore di Zurigo ha annunciato che non ci sono prove di altri criminali. Il processo dovrebbe essere sospeso.

Riproduzione riservata
© Copyright Adnkronos
Tag
Vedi anche
ora in
Prima pagina
articoli
in Evidenza