cerca CERCA
Martedì 28 Settembre 2021
Aggiornato: 19:21
Temi caldi

F1: Sticchi Damiani, mondiale apertissimo ma io dico Ferrari

13 marzo 2014 | 13.43
LETTURA: 2 minuti

"Prevedo un mondiale apertissimo. La Ferrari aspetta il mondiale da 7 anni e in questo periodo l'abbiamo sfiorato troppe volte, prima con Massa poi con Alonso. Io dico che questo è l'anno buono o con Raikkonene o con Alonso fa lo stesso e il mio non è un pronostico solo da tifoso". A parlare è il presidente dell'Automobile Club d'Italia, Angelo Sticchi Damiani, alla vigilia dell'inizio della stagione del mondiale di Formula Uno, al via domenica a Melbourne.

"Dai test abbiamo visto che l'affidabilità delle Rosse è buona, da quel punto di vista dovremmo essere tranquilli -sottolinea Sticchi Damiani all'Adnkronos-. Certo si è anche visto che non siamo i più veloci e che la Mercedes sembra avere un passo leggermente migliore ma è una stagione talmente lunga e molto dipenderà da come le squadre riusciranno a sviluppare le vetture. Ci sarà un rimescolamento continuo delle carte, anche la Red Bull secondo me non è fuorigioco, tornerà a far paura anche se non da subito. Insomma ci sarà da divertirsi".

Il numero uno dell'Aci commenta poi le nuove regole che entrano in vigore da quest'anno e che hanno fatto storcere la bocca a molti, in primis a Bernie Ecclestone: "Lui si è sempre detto contrario al passaggio dai motori aspirati a quelli turbo, come tutti i puristi: il suono dei propulsori ovviamente non è più lo stesso e forse toglie un po' di fascino. Però la Fia quando ha deciso questo passaggio ha voluto dare un segnale di rispetto ecologico e di contenimento dei costi. Anch'io, per questi motivi, quando votammo nel 2012 fui d'accordo con il presidente Todt sul ritorno al turbo".

Riproduzione riservata
© Copyright Adnkronos
Tag
Vedi anche
ora in
Prima pagina
articoli
in Evidenza