cerca CERCA
Sabato 02 Luglio 2022
Aggiornato: 00:03
Temi caldi

Farmaceutica: Farmindustria su morte Aleotti, una vita per l'innovazione

07 maggio 2014 | 16.36
LETTURA: 2 minuti

Milano, 7 mag. (Adnkronos Salute) - "Con il Cavaliere del lavoro Alberto Aleotti l'Italia perde un industriale straordinario che ha saputo raggiungere traguardi di assoluto rilievo per la crescita del suo gruppo e dell'intero settore farmaceutico. Ha dedicato la vita all'innovazione e al suo riconoscimento giuridico in Italia, con l'introduzione nel 1978 del brevetto per i medicinali". Così Farmindustria ricorda la figura del patron del gruppo farmaceutico italiano Menarini, Alberto Sergio Aleotti, morto all'età di 91 anni.

La conquista del brevetto in Italia è stata "solo uno dei tanti risultati conseguiti per lo sviluppo delle imprese del farmaco nazionali e internazionali in Italia e per attrarre gli investimenti in ricerca e produzione", continua Farminustria. "Lo ha fatto con la passione, l'intelligenza e la determinazione che lo caratterizzavano da fondatore e presidente di Farmindustria per molti anni e poi da presidente della Federazione europea e di quella internazionale. Il gruppo Menarini, sotto la sua guida, è divenuto nel corso dei decenni un campione nazionale riconosciuto in tutto il mondo. La forza e la visione strategica di Alberto Aleotti mancheranno alla Farmindustria, al settore e al Paese".

Riproduzione riservata
© Copyright Adnkronos
Tag
Vedi anche
ora in
Prima pagina
articoli
in Evidenza