cerca CERCA
Lunedì 20 Settembre 2021
Aggiornato: 20:28
Temi caldi

Farmaci: 14 studi su 650 pazienti, ruolo Italia per terapia intelligente cuore

01 marzo 2017 | 12.00
LETTURA: 3 minuti

alternate text

"Per Amgen il programma di sviluppo di evolocumab", capostipite di una nuova famiglia di farmaci per ridurre i livelli di colesterolo Ldl, "è stato il più vasto mai realizzato, con 22 studi che hanno incluso circa 35 mila pazienti in tutto il mondo. E l'Italia ha avuto un ruolo molto importante: grazie al coinvolgimento di 57 centri distribuiti su tutto il territorio sono stati portati avanti 14 studi diversi per un totale di oltre 650 pazienti arruolati". A spiegarlo è l'amministratore delegato di Amgen Italia Francesco Di Marco, durante un incontro promosso a Milano.

"Anche nello studio Fourier che verrà presentato tra poche settimane a Washington", in occasione del congresso dell'American College of Cardiology, "l'Italia ha partecipato con 20 centri coinvolti e quasi 400 pazienti arruolati. Questo perché il Paese è un'eccellenza nel cardiovascolare di livello mondiale". L'anticorpo monoclonale interamente umano, che è disponibile nella Penisola in regime di rimborsabilità, ha segnato l'ingresso di Amgen in cardiologia, "un'area terapeutica al servizio della quale abbiamo deciso di mettere le competenze maturate in oncologia, immunologia, nefrologia, ematologia", continua l'Ad.

L'azienda "investe in Ricerca & Sviluppo il 20% del suo fatturato mondiale, pari a oltre 4 miliardi di dollari. E grazie a questo sforzo abbiamo creato una pipeline costituita da oltre 40 molecole sperimentali in varie fasi di sviluppo, di cui 14 in fase III". Sempre in cardiologia, per esempio, "grazie alla ricerca condotta da deCODE, azienda islandese acquisita da Amgen nel 2012, è stata scoperta una mutazione genetica che potrebbe trovare applicazione in una terapia ipolipidemizzante: Asgr1. Le persone con questo gene hanno un rischio di sviluppare la malattia cardiaca del 35% inferiore rispetto alla media. Per questo, adesso, stiamo focalizzando il nostro lavoro di ricerca su una molecola" che agisca su questo fronte.

Riproduzione riservata
© Copyright Adnkronos
Tag
Vedi anche
ora in
Prima pagina
articoli
in Evidenza