cerca CERCA
Mercoledì 20 Ottobre 2021
Aggiornato: 04:45
Temi caldi

Farmaci: Boehringer, 10 mila pazienti arruolati in registro terapia antitrombotica

13 marzo 2014 | 17.49
LETTURA: 3 minuti

Roma, 13 mar. (Adnkronos Salute) - Boehringer Ingelheim ha annunciato il raggiungimento di 10.000 pazienti con fibrillazione atriale arruolati nello studio osservazionale Gloria-Af, uno dei più ampi registri attualmente in corso a livello mondiale sulla terapia antitrombotica orale nel lungo termine. Il registro fornirà importanti informazioni, dalla pratica clinica quotidiana, sulla correlazione tra la scelta della terapia antitrombotica e l'outcome clinico dei pazienti con fibrillazione atriale a rischio di ictus.

L'innovativo disegno dello studio osservazionale Gloria-Af si articola in tre fasi ed è stato pubblicato nel numero di Marzo 2014 dell'American Heart Journal. Gloria-Af fornirà dati utili per comprendere come la terapia antitrombotica orale sta cambiando nel corso del tempo e nelle diverse realtà mondiali. Arruolerà più di 56.000 pazienti con nuova diagnosi di fibrillazione atriale a rischio di ictus, da circa 50 Paesi in tutto il mondo. "L'Italia contribuisce in modo importante a questo studio osservazionale internazionale, con 80 centri - afferma Giuseppe Di Pasquale, direttore dell'Unità operativa di Cardiologia dell'Ospedale Maggiore di Bologna, uno dei coordinatori nazionali dello studio - i tempi regolatori italiani hanno consentito l'inizio dello studio in Italia solo a fine dello scorso anno. A oggi, 15 degli 80 centri hanno già completato le pratiche necessarie per poter essere abilitati all’arruolamento, e già oltre 30 pazienti sono stati arruolati negli ultimi 4 mesi".

A oggi oltre 100 Paesi hanno approvato dabigatran etexilato per la prevenzione dell'ictus e l'embolia sistemica in pazienti adulti affetti dal più comune disturbo del ritmo cardiaco. La 100esima approvazione è stata annunciata dalla Food and Drug Administration della Giordania, se ne attendono altre a breve. "Raggiungendo la 100esima approvazione di dabigatran etexilato per la prevenzione dell'ictus e avendone altre all'orizzonte, siamo ancor più vicini al poter dire che i pazienti di tutto il mondo possono beneficiare di questo nuovo trattamento", ha commentato Klaus Dugi, Corporate Senior Vice President Medicine di Boehringer Ingelheim. "L'approvazione regolatoria ottenuta in Giordania, in aggiunta a quelle già ottenute da altre autorità sanitarie nel mondo, parla da sé. Questo è un riflesso dell'ampiezza dei benefici che dabigatran etexilato offre ai pazienti con fibrillazione atriale non valvolare, compresa una superiore protezione dall'ictus ischemico rispetto a warfarin".

Riproduzione riservata
© Copyright Adnkronos
Tag
Vedi anche
ora in
Prima pagina
articoli
in Evidenza