cerca CERCA
Giovedì 26 Maggio 2022
Aggiornato: 20:34
Temi caldi

Farmaci: da Cdm ok a norme contro falsi, vendita on line regolata

14 febbraio 2014 | 20.45
LETTURA: 2 minuti

Roma, 14 feb. (Adnkronos Salute) - Nuove norme per la lotta ai falsi farmaci: dalla vendita on line regolamentata di medicinali senza ricetta a strumenti per evitare la carenza, fino alla creazione di un sistema nazionale antifalsificazione e alla istituzione di broker di medicinali registrati al ministero della Salute . Il Consiglio dei ministri di oggi ha infatti approvato in via definitiva il provvedimento per l'attuazione della direttiva europea mirata ad impedire l’ingresso dei medicinali falsificati nella catena di fornitura legale.

Un provvedimento articolato, con alcuni punti cardine. Eccoli:1) nuova definizione di 'servizio pubblico' che consente prioritariamente di soddisfare, nel rispetto degli obblighi comunitari, il fabbisogno territoriale di farmaci evitando così situazioni di indisponibiltà degli stessi. Ciò attraverso una modifica dell’articolo 105 del dlgs n. 219 del 2006; tale disposizione consente, con una procedura di segnalazione, effettuata dal farmacista, alla regione competente di accertare che non sia stato violato l’obbligo di servizio pubblico; nel qual caso, il distributore potrà esser sottoposto oltre che ad una sanzione amministrativa pecuniaria anche alla sospensione o, nell’ipotesi di reiterazione della violazione, anche alla revoca della autorizzazione allo svolgimento dell’attività di grossista;

2) possibilità di vendita a distanza al pubblico dei medicinali (vendita on line) senza obbligo di prescrizione, attraverso farmacie o parafarmacie; a tale scopo, i siti internet che vendono medicinali conterranno un link, collegato al sito internet del ministero della salute, che indicherà la lista di tutti gli enti o persone autorizzate alla vendita di farmaci in rete. Sarà utilizzato un logo comune che renderà tali siti riconoscibili e sicuri; 3) garanzia che il trasporto dei medicinali venduti on line, sia effettuato nel rispetto delle linee guida in materia di buona pratica di distribuzione, quindi in modo da consentire all’acquirente di ricevere i farmaci con le medesime garanzie di quelli acquistati nella farmacia o nella parafarmacia; (segue)

Riproduzione riservata
© Copyright Adnkronos
Tag
Vedi anche
ora in
Prima pagina
articoli
in Evidenza