cerca CERCA
Giovedì 19 Maggio 2022
Aggiornato: 00:04
Temi caldi

Farmaci: Roche, sopresi da richiesta ministero Salute

29 maggio 2014 | 12.08
LETTURA: 2 minuti

Milano, 29 mag. (Adnkronos Salute) - Roche "non può che esprimere tutta la propria sorpresa" per la richiesta di risarcimento danni avanzata dal ministero della Salute, "in quanto non ha ricevuto alcuna comunicazione dal ministero e pertanto non può fornire spiegazioni esaurienti in merito". Lo comunica il gruppo farmaceutico in una nota inviata nella tarda serata di ieri, dopo che il dicastero di Lungotevere Ripa ha annunciato la decisione di rivalersi nei confronti di Roche, Novartis e Pfizer per oltre 1,2 miliardi di euro, relativamente a presunte irregolarità nella commercializzazione di farmaci per gli occhi.

La società ricorda che "il provvedimento su cui poggia detta richiesta (il caso Avastin-Lucentis, ndr) è oggetto del ricorso avanti al Tar del Lazio di cui oggi si è tenuta la prima udienza, e che non esiste una sentenza, neanche di primo grado, che abbia attribuito alle aziende la responsabilità del presunto danno, né tantomeno quantificato tale danno. Le cifre riportate appaiono comunque irreali. Proprio per pervenire alla più rapida decisione, Roche ha rinunciato a chiedere la sospensiva così da accelerare la discussione nel merito del provvedimento, per giungere il prima possibile ad una sentenza che farà chiarezza sull'argomento".

L'azienda "ribadisce che le accuse sono prive di qualsiasi fondamento e che oltre a proseguire nella difesa della propria posizione in tutte le sedi deputate, conferma la propria volontà di avviare un confronto con le autorità competenti, tra cui proprio il ministero della Salute, al fine di chiarire definitivamente gli effettivi contorni della vicenda".

Riproduzione riservata
© Copyright Adnkronos
Tag
Vedi anche
ora in
Prima pagina
articoli
in Evidenza