Cerca

Europee, Sardegna: esclusa circoscrizione elettorale per l'isola

CRONACA
Europee, Sardegna: esclusa circoscrizione elettorale per l'isola

E' ufficiale, nulla da fare per la Circoscrizione Sardegna alle prossime elezioni europee. Lo comunica il senatore sardo di M5S Roberto Cotti. "Così l'Isola ha perso oggi,alle 12.43, la possibilità di poter eleggere con certezza i propri europarlamentari sardi. I tre emendamenti presentati sul ddl 1224 in discussione al Senato, Equilibrio di genere elezioni Parlamento europeo, che pure avrebbero consentito una rappresentanza sarda in Europa, sono stati infatti tutti respinti dall'aula di Palazzo Madama. Anche la possibilità di mettere all'ordine del giorno i disegni di legge (uno del M5S a prima firma Cotti e uno del PD) identici agli emendamenti bocciati oggi sembra allontanarsi definitivamente, dato che difficilmente il Senato si pronuncerebbe diversamente da come oggi ha votato sugli emendamenti", spiega Cotti.


"Una vergogna fin troppo annunciata, che ho cercato di impedire fin dal luglio 2013 e che ha visto la regia della maggioranza di governo, del Pd in particolare", prosegue Cotti. "E inutile che ora i parlamentari del Pd facciano 'ammuina': la verità - prosegue -, la spiegazione su quanto accaduto è scritta nella storia più recente, nelle carte e nei tempi di questa loro maldestra azione politica, nuovamente tardiva e contro gli interessi dell'Isola".

Il parlamentare del Movimento 5 Stelle precisa che prima del voto sui tre emendamenti (oltre a quello a prima firma Cotti del Movimento 5 Stelle sono stati presentati altri tre emendamenti quasi identici, uno con prima firma di Mauro per i Popolari per l'Italia, uno con prima firma Lai ed altri per il Pd e l'ultimo a firma Calderoli per la Lega) "il Governo si è rimesso alle decisioni dell'Aula, mentre la relatrice del provvedimento, Doris Lo Moro (Pd), si è detta contraria agli stessi".

"Vorrei ricordare - ha aggiunto Cotti - che gli annali parlamentari sono ricchi di storia e spunti di riflessione, basterebbe ad esempio richiamare in proposito le occasioni volutamente perdute, in precedenza, dai parlamentari sardi, ad esempio quella più eclatante che vide Gavino Angius, capogruppo del Pds al Senato, votare contro l'istituzione della Circoscrizione Sardegna, un voto che fece la differenza e che all'epoca impedì il raggiungimento dello storico obiettivo. Ormai da oltre un decennio il Pd in Sardegna sollecita l'approvazione della circoscrizione elettorale dedicata, ma poi a livello nazionale non fa nulla per perseguire questo scopo", conclude Cotti.

"Fin dal luglio 2013 giace ben chiuso in un cassetto del Senato un ddl recante "Modifiche alla legge 24 gennaio 1979, n. 18, concernenti l'istituzione delle circoscrizioni Sicilia e Sardegna nell'ambito della elezione dei membri del Parlamento europeo spettantiall'Italia ", a mia prima firma. Un altro analogo è stato presentato dai Senatori sardi del Pd. Ebbene, perchè non li si è calendarizzati e discussi in aula (il PD aveva i numeri per farlo) e nemmeno in Commissione Affari costituzionali? E soprattutto, chi è il presidente della Commissione? Ah, sì, certo: è la siciliana Anna Finocchiaro del Pd".



RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright Adnkronos.