Cerca

Allarme 'selfie', fanno aumentare la diffusione dei pidocchi tra i teenager

CRONACA
Allarme 'selfie', fanno aumentare la diffusione dei pidocchi tra i teenager

L'allarme arriva dagli Stati Uniti: i selfie, gli autoscatti che hanno invaso la Rete diventando il fenomeno di tendenza dell'anno, stanno facendo aumentare la diffusione dei pidocchi tra i teenager. Ad affermarlo sono gli operatori dei "lice removal service", gli ambulatori dove negli Stati Uniti vengono portati i bambini per essere "spidocchiati" spesso a peso d'oro, che registrano un "enorme aumento" negli ultimi mesi di pazienti adolescenti.


"Solitamente tratto bambini piccoli, perché per loro c'è un maggiore rischio che le teste vengano a contatto, ma ora gli adolescenti avvicinano le teste ogni giorno per scattare le foto con i cellulari", ha detto Marcy McQuillian in un'intervista ad un sito di San Francisco, ripresa in un articolo che l'Huffington Post dedica alla vicenda, a testimonianza del fatto che l'allarme pidocchi, con l'avvicinarsi della primavera, è alto anche Oltreoceano. Anche per un'altra "spidocchiatrice" professionista, di un ambulatorio di Oakland, questa tesi "è plausibile", dal momento che per la diffusione dei pidocchi è necessario "il contatto diretto".

E' invece scettico il dottor Richard Pollack, della School of Public Health dell'università di Harvard, responsabile di un sito che aiuta ad identificare e combattere i diversi tipi di parassiti umani, IdentifyUs, che ricorda che gli adolescenti hanno sempre avuto i pidocchi e non c'è nessuna prova del legame con gli autoscatti. Per Pollack si tratta di una mossa pubblicitaria di questi centri di rimozione dei pidocchi: "ogni volta che apre un nuovo centro, sembra sempre che ci sia una nuova epidemia, fa bene ai loro affari".



RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright Adnkronos.