Cerca

"La vita è un gioco, lasciatemi giocare". Così Davide su Fb

CRONACA
La vita è un gioco, lasciatemi giocare. Così Davide su Fb

Messaggi di cordoglio ma anche polemiche in questi minuti sui social network per la morte di Davide Bifolco, il diciassettenne ucciso nel rione Traiano da un carabiniere durante un inseguimento. Sulla pagina Facebook del suo profilo, solo parzialmente pubblico, è il giorno del dolore.


Il giorno degli addii, che iniziano a comparire numerosi sulla sua pagina, lasciati anche da chi non lo conosceva. C'è chi gli scrive "riposa in pace", chi sceglie di ricordarlo dedicandogli una canzone e chi scrive "con il sorriso ti voglio ricordare". Ma in tanti polemizzano sul modo in cui è stata spezzata la vita di un ragazzo così giovane e chiede che sia fatta giustizia.

"Ma per le forze dell'ordine è sempre un colpo accidentale?! Ma finiamola và! Cosa vuoi che abbia fatto di così grave un ragazzo di 17 anni, sarà stato solo un po' spavaldo a nn fermarsi, ma mica era un terrorista", scrive un utente. "Io vorrei vedere come si spara colpo accidentale - aggiunge un altro - come attenuante al processo quanto ha peso sta stronzata?".

Ma c'è anche chi non si fa scrupoli e approfitta del dolore altrui per lanciare insulti razzisti. Un utente, che si presenta come 'Alessandro Morelli', scrive: "In tre su uno scooter...e con un pregiudicato...e per di più napoletani...Certo, come no..poverino lui..... I carabinieri hanno sbagliato solo una cosa..a non aver sparato a tutti e tre!".

Un commento che in pochi minuti ha scatenato la rabbia di tanti altri. "Morelli è un fallito - si legge in un post - lasciatelo perdere. I classici che usano internet per essere ascoltati, perché nella vita non sono nessuno. Uno che non ha compassione per un ragazzino morto ammazzato, che bestia può essere? Non conosciamo i fatti, pensiamo al povero Davide, che aveva 17 anni". E chi aggiunge: "Dal Veneto riposa in pace, tutto ciò non doveva accadere. Un abbraccio alla famiglia".

Numerose le foto che si scorrono sulla pagina di Davide. In quella del profilo è in compagnia di due amici, che nel titolo definisce "e frat mij" (i miei fratelli, ndr) mentre sulla copertina campeggia una foto che lo vede sorridere mentre indossando occhiali da sole è seduto in una piscina.

Sul suo profilo si susseguono soprattutto foto di serate spensierate in compagnia di amici e numerosi i post si leggono sulla sua pagina. Tra questi uno del 31 luglio in cui Davide scriveva: "Come un Leone affronto la vita!! E Passo Dopo Passo Supererò ogni Salita!!". E, ancora, "la Vita è un Gioco. Lasciatemi Giocare!". Nell'ultimo post visibile, risalente al 23 agosto scorso, Davide scriveva: "Chi smette di esserti amico non lo è mai stato".

Nella notte dopo la sua morte ci sono stati momenti di tensione nel quartiere in cui viveva: un'auto della polizia è andata completamente distrutta, altre sono state danneggiate. Ressa di familiari e conoscenti del giovane anche all'ospedale 'San Paolo', dove si trova la salma che dovrà essere sottoposta a esame autoptico.



RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright Adnkronos.