Home . Fatti . Cronaca . Carrara: sindaco Zubbani, dimettersi ora sarebbe la cosa più semplice

Carrara: sindaco Zubbani, dimettersi ora sarebbe la cosa più semplice

In Comune continua l'occupazione di una sala da parte di un gruppo di cittadini

CRONACA

"Dimettersi ora sarebbe la cosa più semplice". Lo ha detto il sindaco di Carrara, Angelo Zubbani, a proposito della richiesta di dimissioni avanzata dal gruppo di oltre 50 persone che da sabato occupano una sala in municipio per protestare contro l'alluvione che ha sommerso la città dopo il crollo dell'argine sul fiume Carrione.


"In questo momento dimettersi sarebbe la cosa meno difficile - ha spiegato Zubbani all'Adnkronos - Io invece ritengo che sia giusto stare nel posto giusto, che è quello di assumere le decisioni che servono per affrontare l'emergenza, ora per ora, giorno per giorno, in stretto coordinamento con i volontari e con le forze dell'ordine".

"Questo è il momento di dare le risposte - ha aggiunto il sindaco di Carrara - Anche con il presidente della Regione Rossi vedremo quali aiuti, quali risarcimenti sarà possibile dare alla popolazione. Dopo la fase dell'emergenza, ci sarà la fase della riflessione, che avverà certo in tempi biblici. Ora voglio parlare con i miei cittadini e dare le risposte che attendono. Poi mi renderò conto se ci sono le condizioni per andare avanti fino al 2017".

Per intanto Angelo Zubbani tira un sospiro di sollievo perchè la fase critica dell'allerta meteo è superata e resta fino alle 13 di domani un'allerta ordinaria che il Comune gestirà senza evacuazioni ma con un regime di stretta sorveglianza.

Sono ripresi gli ulteriori lavori di consolidamento dell'argine crollato, ma la situazione resterà precaria fino a quando non sarà eseguita un'opera strutturale consolidata.



RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright Adnkronos.