Cerca

'Ciccia' batte demenza, girovita XXL riduce rischio di ammalarsi

Studio Gb su 2 milioni di persone, motivi ancora non chiari

CRONACA
'Ciccia' batte demenza, girovita XXL riduce rischio di ammalarsi

Avere un girovita abbondante, insomma non la classica taglia 'da modelli', può ridurre il rischio di sviluppare la demenza. Lo studio che sembra ribaltare la pessima reputazione della 'ciccia' è firmato da un team di ricercatori della London School of Hygiene and Tropical Medicine, lo studio ha preso in esame 2 milioni di cittadini britannici ed è stato pubblicato sulla rivista 'Lancet Diabetes & Endocrinology'.


I ricercatori - riporta la 'Bbc' hanno analizzato le cartelle cliniche di 1.958.191 soggetti con un'età media di 55 anni nell'arco temporale di due decadi. Ebbene, l'analisi dei documenti ha mostrato che le persone sottopeso avevano un rischio demenza più alto del 39% rispetto a chi era normopeso. Ma coloro che erano in sovrappeso avevano una riduzione del 18% del rischio, ma questa diminuzione balzava al 24% per gli obesi.

"Si tratta di una sorpresa - ha commentato Nawab Qizilbash, autore della ricerca - un dato in contrasto con la maggior parte degli studi fino ad oggi noti sull'argomento. Possiamo ipotizzare che dietro questo effetto protettivo dei chili di troppo ci siano la vitamina D ed E. Queste quando sono in deficit, come nelle persone che mangiano poco e male, aprire la strada alla demenza". I ricercatori precisano però che l'effetto anti demenza dell'essere sovrappeso non deve indurre a lasciarsi andare, i rischi dell'obesità sono enormi: malattie cardiovascolari, diabete e l'ictus.



RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright Adnkronos.